Comuni e Provincia, parte la corsa elettorale

di Alessandro Abbadir

Mancano ancora sei mesi alle elezioni amministrative ma nel veneziano i partiti già preparano candidature ed alleanze. Si vota in provincia di Venezia in ben sedici comuni e si rinnova anche l’amministrazione provinciale.
Ma ecco l’elenco dei comuni in cui si vota a primavera inoltrata: Annone Veneto, Camponogara, Ceggia, Cinto Maggiore, Cona, Fossalta di Piave, Fossalta di Portogruaro, Fossò, Gruaro, Meolo, Noale, Stra, Teglio Veneto, Portogruaro, Scorzè, Spinea. Nei comuni di Scorzé, Spinea e Portogruaro, che hanno più di 15mila abitanti, si vota col doppio turno. Alle elezioni provinciali la sfida appare aperta fra il centrosinistra e il Pdl e così pure nei comuni, alcuni dei quali, come Stra e Scorzè, sono stati commissariati nei mesi per il voto negativo in consiglio comunale della maggioranza nell’approvazione del bilancio. Lo scenario politico però non è per nulla chiaro. Se da un lato il centrosinistra appare unito, dall’altro il centrodestra anche se diviso pare avere il vento in poppa con sondaggi che lo premiano. Le amministrazioni in cui la partita è aperta sono quelle di Portogruaro, Scorzè, Spinea, ma anche Camponogara e Fossò e Noale. A Spinea dopo anni di centrodestra il centrosinistra punta a recuperare il comune, a Camponogara la situazione è particolare: fino ad ora ha governato una lista civica completamente scollegata dai partiti. Ora dopo la conclusione del secondo mandato del sindaco Desiderio Fogarin il centrosinistra e il centrodestra si ricomporranno mettendo fine a questa anomalia. Nel portogruarese e nel sandonatese il centrodestra grazie ad un forte radicamento della Lega Nord parte in vantaggio. Anche qui gli esperimenti non mancano. A Gruaro centrodestra e centrosinistra si mescolano. E’ ancora in embrione ma ci sarebbero le migliori intenzioni per dar vita ad una formazione civica che potrebbe tentare la scalata al palazzo comunale nelle prossime elezioni amministrative. Da una parte la Lega Nord con il proprio simbolo, accanto quello di una lista civica con vari riferimenti che spaziano da destra a sinistra. Tornando a livello provinciale c’è da dire che se la Lega corre da sola mina seriamente le capacità di vittoria della coalizione che a livello nazionale fa riferimento al premier Silvio Berlusconi. Fra le forze politiche alleate del Pd intanto è arrivata nelle scorse settimane la presa di posizione dell’Italia dei Valori, il partito che fa riferimento a livello nazionale ad Antonio Di Pietro confortati anche dai sondaggi che li vedono sul 7%. L’Idv avverte, se per le provinciali le alleanze sono decise nei 16 comuni in cui si va al voto ci teniamo le mani libere. A Scorzè e Spinea, infatti, l’Idv ha chiesto di chiarire subito quale sarà, in caso di vittoria, la squadra di governo, in pratica qual i saranno i “pesi” dei singoli partiti. Il segretario provinciale Nicola Funari è stato chiaro: “Le forze del centrosinistra e in particolare il Partito democratico devono uscire da logiche di auto referenzialità – ha detto in una nota – per aprirsi alla società civile per un confronto a tutto campo ed avviare un confronto aperto tra i cittadini nella prospettiva del rinnovo delle amministrazioni che coinvolga gruppi sociali, categorie economiche, sindacati, comitati spontanei”. Insomma la partita è aperta e da qui a giugno il gioco delle alleanze farà nascere molte discussioni e dibattiti a livello locale in tutti gli schieramenti.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Comuni e Provincia, parte la corsa elettorale

di Alessandro Abbadir

Mancano ancora sei mesi alle elezioni amministrative ma nel veneziano i partiti già preparano candidature ed alleanze. Si vota in provincia di Venezia in ben sedici comuni e si rinnova anche l’amministrazione provinciale.
Ma ecco l’elenco dei comuni in cui si vota a primavera inoltrata: Annone Veneto, Camponogara, Ceggia, Cinto Maggiore, Cona, Fossalta di Piave, Fossalta di Portogruaro, Fossò, Gruaro, Meolo, Noale, Stra, Teglio Veneto, Portogruaro, Scorzè, Spinea. Nei comuni di Scorzé, Spinea e Portogruaro, che hanno più di 15mila abitanti, si vota col doppio turno. Alle elezioni provinciali la sfida appare aperta fra il centrosinistra e il Pdl e così pure nei comuni, alcuni dei quali, come Stra e Scorzè, sono stati commissariati nei mesi per il voto negativo in consiglio comunale della maggioranza nell’approvazione del bilancio. Lo scenario politico però non è per nulla chiaro. Se da un lato il centrosinistra appare unito, dall’altro il centrodestra anche se diviso pare avere il vento in poppa con sondaggi che lo premiano. Le amministrazioni in cui la partita è aperta sono quelle di Portogruaro, Scorzè, Spinea, ma anche Camponogara e Fossò e Noale. A Spinea dopo anni di centrodestra il centrosinistra punta a recuperare il comune, a Camponogara la situazione è particolare: fino ad ora ha governato una lista civica completamente scollegata dai partiti. Ora dopo la conclusione del secondo mandato del sindaco Desiderio Fogarin il centrosinistra e il centrodestra si ricomporranno mettendo fine a questa anomalia. Nel portogruarese e nel sandonatese il centrodestra grazie ad un forte radicamento della Lega Nord parte in vantaggio. Anche qui gli esperimenti non mancano. A Gruaro centrodestra e centrosinistra si mescolano. E’ ancora in embrione ma ci sarebbero le migliori intenzioni per dar vita ad una formazione civica che potrebbe tentare la scalata al palazzo comunale nelle prossime elezioni amministrative. Da una parte la Lega Nord con il proprio simbolo, accanto quello di una lista civica con vari riferimenti che spaziano da destra a sinistra. Tornando a livello provinciale c’è da dire che se la Lega corre da sola mina seriamente le capacità di vittoria della coalizione che a livello nazionale fa riferimento al premier Silvio Berlusconi. Fra le forze politiche alleate del Pd intanto è arrivata nelle scorse settimane la presa di posizione dell’Italia dei Valori, il partito che fa riferimento a livello nazionale ad Antonio Di Pietro confortati anche dai sondaggi che li vedono sul 7%. L’Idv avverte, se per le provinciali le alleanze sono decise nei 16 comuni in cui si va al voto ci teniamo le mani libere. A Scorzè e Spinea, infatti, l’Idv ha chiesto di chiarire subito quale sarà, in caso di vittoria, la squadra di governo, in pratica qual i saranno i “pesi” dei singoli partiti. Il segretario provinciale Nicola Funari è stato chiaro: “Le forze del centrosinistra e in particolare il Partito democratico devono uscire da logiche di auto referenzialità – ha detto in una nota – per aprirsi alla società civile per un confronto a tutto campo ed avviare un confronto aperto tra i cittadini nella prospettiva del rinnovo delle amministrazioni che coinvolga gruppi sociali, categorie economiche, sindacati, comitati spontanei”. Insomma la partita è aperta e da qui a giugno il gioco delle alleanze farà nascere molte discussioni e dibattiti a livello locale in tutti gli schieramenti.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Comuni e Provincia, parte la corsa elettorale

di Alessandro Abbadir

Mancano ancora sei mesi alle elezioni amministrative ma nel veneziano i partiti già preparano candidature ed alleanze. Si vota in provincia di Venezia in ben sedici comuni e si rinnova anche l’amministrazione provinciale.
Ma ecco l’elenco dei comuni in cui si vota a primavera inoltrata: Annone Veneto, Camponogara, Ceggia, Cinto Maggiore, Cona, Fossalta di Piave, Fossalta di Portogruaro, Fossò, Gruaro, Meolo, Noale, Stra, Teglio Veneto, Portogruaro, Scorzè, Spinea. Nei comuni di Scorzé, Spinea e Portogruaro, che hanno più di 15mila abitanti, si vota col doppio turno. Alle elezioni provinciali la sfida appare aperta fra il centrosinistra e il Pdl e così pure nei comuni, alcuni dei quali, come Stra e Scorzè, sono stati commissariati nei mesi per il voto negativo in consiglio comunale della maggioranza nell’approvazione del bilancio. Lo scenario politico però non è per nulla chiaro. Se da un lato il centrosinistra appare unito, dall’altro il centrodestra anche se diviso pare avere il vento in poppa con sondaggi che lo premiano. Le amministrazioni in cui la partita è aperta sono quelle di Portogruaro, Scorzè, Spinea, ma anche Camponogara e Fossò e Noale. A Spinea dopo anni di centrodestra il centrosinistra punta a recuperare il comune, a Camponogara la situazione è particolare: fino ad ora ha governato una lista civica completamente scollegata dai partiti. Ora dopo la conclusione del secondo mandato del sindaco Desiderio Fogarin il centrosinistra e il centrodestra si ricomporranno mettendo fine a questa anomalia. Nel portogruarese e nel sandonatese il centrodestra grazie ad un forte radicamento della Lega Nord parte in vantaggio. Anche qui gli esperimenti non mancano. A Gruaro centrodestra e centrosinistra si mescolano. E’ ancora in embrione ma ci sarebbero le migliori intenzioni per dar vita ad una formazione civica che potrebbe tentare la scalata al palazzo comunale nelle prossime elezioni amministrative. Da una parte la Lega Nord con il proprio simbolo, accanto quello di una lista civica con vari riferimenti che spaziano da destra a sinistra. Tornando a livello provinciale c’è da dire che se la Lega corre da sola mina seriamente le capacità di vittoria della coalizione che a livello nazionale fa riferimento al premier Silvio Berlusconi. Fra le forze politiche alleate del Pd intanto è arrivata nelle scorse settimane la presa di posizione dell’Italia dei Valori, il partito che fa riferimento a livello nazionale ad Antonio Di Pietro confortati anche dai sondaggi che li vedono sul 7%. L’Idv avverte, se per le provinciali le alleanze sono decise nei 16 comuni in cui si va al voto ci teniamo le mani libere. A Scorzè e Spinea, infatti, l’Idv ha chiesto di chiarire subito quale sarà, in caso di vittoria, la squadra di governo, in pratica qual i saranno i “pesi” dei singoli partiti. Il segretario provinciale Nicola Funari è stato chiaro: “Le forze del centrosinistra e in particolare il Partito democratico devono uscire da logiche di auto referenzialità – ha detto in una nota – per aprirsi alla società civile per un confronto a tutto campo ed avviare un confronto aperto tra i cittadini nella prospettiva del rinnovo delle amministrazioni che coinvolga gruppi sociali, categorie economiche, sindacati, comitati spontanei”. Insomma la partita è aperta e da qui a giugno il gioco delle alleanze farà nascere molte discussioni e dibattiti a livello locale in tutti gli schieramenti.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento