Il calendario del Flic Floc

Niente “lati B” messi a nudo, e nemmeno seni prosperosi esposti in primo piano. Le belle ragazze ci sono, naturalmente, ma al minimo indossano i due pezzi. Ci sono, invece, gay e preti che si sposano (o che vorrebbero farlo), alcol e droga, sesso e velocità, disparità tra ceti sociali: c’è di tutto (e anche qualcosa di più nelle maliziose inquadrature di Italo e Manuel) nel calendario il cui backstage è stato presentato sabato prossimo, 6 dicembre, a partire dalle ore 22, nello stesso Flic Floc Cafè che è stato anche il set della nuova fatica di Foto Italo. Tra belle ragazze in sella ad una moto e moderne contadinelle, tra preti che si rifugiano nella lettura del breviario per non cadere in tentazione e spose lasciate perché lui ha un altro lui, i mesi dell’anno si snodano crudi e, come affermano gli autori, “tra un pizzico di ironia e quel giusto pizzico di trasgressione che è tipico di un calendario, che noi speriamo riesca a far a riflettere. Se così fosse, per noi sarebbe di per sé già un gran risultato”. Insomma, Foto Italo ha voluto “trasgredire” l’ormai tradizionale clissé dei calendari per offrire un prodotto diverso il linea con i tempi fatti di trasgressione quotidiane della nostra società.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento