Logo testata di vicenza

Home Padovano Bassa Padovana Il gruppo teatrale “Ospedaletto ci riprova” conferma il suo impegno di solidarietà a...

Il gruppo teatrale “Ospedaletto ci riprova” conferma il suo impegno di solidarietà a teatro

Dicembre di solidarietà ad Ospedaletto Euganeo. Il periodo pre-natalizio registra, come da abitudine, una serie di iniziative benefiche nel paese della Bassa Padovana. Il 7 dicembre il Gruppo Teatrale “Ospedaletto ci prova” ha rappresentato una commedia scritta in rigorosissimo dialetto veneto dal regista Francesco Chiodin dal titolo “Lo seto ti?” con ricavato a favore delle adozioni a distanza dei bimbi.
La trama tratta del morbo di Alzheimer, malattia che sta interessando tante persone e che crea notevoli problemi nelle famiglie e nell’assistenza pubblica. Ha assistito anche il presedente dell’Aima (Associazione Italiani Malati Alzheimer) Euganea PierGianni Tinello, il quale ha illustrato brevemente gli intenti della sua Associazione dei pazienti e familiari coinvolti nel vortice burrascoso di questa malattia.
La serata è propizia anche per la presentazione e distribuzione del libro edito con il contributo del Csv (Centro Servizi del Volontariato) della Provincia di Padova che festeggia i 10 anni di attività del Gruppo Teatrale “Ospedaletto ci prova”. Dieci anni di attività ufficiale nata nel 1998 per raccogliere fondi in favore delle adozioni a distanza e da allora continuata nel tempo, senza pretese, ma con amore, costanza e perseveranza. Sarà presente il giornalista Michele Santi che del libro ha scritto la presentazione, da sempre amico e sostenitore di “Ospedaletto ci prova”.
Il titolo del libro è tutto un programma perché così recita: “Ospedaletto ci prova: associazione per le associazioni”. Negli intenti dei fondatori del Gruppo c’era e ancora c’è la voglia e la mission di fare spettacolo sì, ma soprattutto creando solidarietà, permettendo cioè con la loro verve e capacità artistiche, di propagandare, aiutare e far vivere le altre associazioni. L’8 di dicembre, sul sagrato della Chiesa, viene allestita una bancarella ricca di tanti manufatti che le abili mani di gentili signore hanno confezionato e prodotto. Il ricavato dell’iniziativa viene devoluto all’adozione a distanza di bambini poveri. Un bel modo per aiutare chi soffre.

GERARDO MUOLLO

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette

Soldan srl - HalfPage