La Provincia ha messo a bilancio 2 milioni e 700 mila euro per l’ampliamento e l’aggiunta di nuovi spazi.

La “caccia la tesoro” delle aule dove far lezione sembra destinata a terminare. La carenza di aule negli istituti piovesi sarà sanata da un intervento approvato dalla Provincia di Padova, che prevede l’ampliamento e l’aggiunta di nuove aule agli istituti Einstein e De Nicola. Nello specifico, già dal 2010 saranno inaugurate dieci nuove aule al liceo e sei, tra laboratori e aule, all’istituito tecnico
Il progetto esecutivo è stato approvato dalla giunta provinciale, che ha messo a bilancio 2 milioni e 700 mila euro per la realizzazione degli interventi. A dare la notizia è l’assessore all’Edilizia scolastica Luciano Salvò: “Un primo blocco di otto aule sarà realizzato in prosecuzione dell’ala ovest del liceo — spiega — seguendo la stessa tipologia del parziale prolungamento esistente nell’ala est ma distribuito su due piani.
In questo prima parte dell’intervento, risulterà necessario prevedere dei locali accessori oltre alle scale e alle uscite di sicurezza. Sempre per quanto riguarda il liceo, sarà realizzato anche un secondo blocco di due aule a completamento dell’ala est. La cubatura si svilupperà su un piano ma dimensionata per un possibile futuro sviluppo in altezza”.
Le novità in arrivo al “De Nicola” sono altrettanto consistenti.
“In aderenza all’istituto, lungo il lato nord — continua Salvò — sarà realizzato un blocco su tre livelli fuori terra, al pari dell’edificio esistente. Questo consentirà la creazione di due aule per ogni piano per un totale di sei aule.
In particolare, si prevede di ricavare un’aula didattica normale da sessanta metri quadrati e un laboratorio da ottanta metri quadrati per piano. Al piano terra potrebbe trovare spazio il laboratorio di chimica, al primo piano il laboratorio informatico e al secondo il laboratorio multimediale”.
Se tutto andrà come previsto, una volta individuata la ditta appaltatrice i lavori potrebbero iniziare a gennaio 2009 per concludersi a dicembre. Nei mesi in cui il cantiere rimarrà aperto in concomitanza con le lezioni, si cercherà di effettuare quegli interventi che non ostacoleranno l’attività didattica.
“Questa è una risposta importante che diamo ad un polo scolastico altrettanto importante, come quello di Piove di Sacco — conclude Salvò -. Tanti giovani, non solo piovesi ma anche dalla provincia di Venezia, scelgono di studiare a Piove e il numero di iscritti aumenta di anno in anno. Questo ha provocato una carenza di spazi adeguati e qualche disagio che speriamo sarà risolto da questi ampliamenti”.

FEDERICA BERTAGGIA

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento