Sessant’anni di Costituzione

La Costituzione, così come è, va cambiata modificata o solo aggiornata? Dopo la prima iniziativa proposta al teatro Salesiani il 31 ottobre scorso, in cui si è parlato della Costituzione col linguaggio della musica, attraverso le note della banda cittadina, lo scorso 14 novembre si è cercato di entrare nel merito di questo importante sessantesimo. Ci si è soffermati in particolare sugli articoli 33 e 34 che parlano di scuola e insegnamento. A commentarli Sergio Ravagnan, storico ed ex assessore comunale. “Questa iniziativa – ha affermato il presidente del Consiglio provinciale Mauro Boscolo Bisto -, pone un momento di riflessione sulla nostra Costituzione; una riflessione alla luce anche della modifica del titolo Quinto che parla di federalismo”. Ravagnan si è recentemente occupato, in un volume, di uno dei padri fondatori della Costituzione, uno dei 75 che diedero vita a questo strumento di democrazia, Riccardo Ravagnan. “Sulle parole della Costituzione si è discusso molto — ha esordito l’ex assessore dopo aver letto i due articoli oggetto dell’analisi – hanno un loro peso e sono una parte importante che garantisce dei principi. La presenza della scuola statale — prosegue l’ex insegnante – ha offerto il libero accesso all’istruzione, senza discriminazioni, rendendola gratuita e obbligatoria. La libertà di insegnamento è un diritto del docente ma contemporaneamente diventa anche un pericolo, è una libertà che si trasforma in un libero confronto culturale, libero anche da condizionamenti. Diventa un tema scottante quando si parla di scuola pubblica e scuola privata. Già nello Statuto Albertino – aggiunge il relatore – si parlava di scuola aperta a tutti. La novità di questo articolo è che rende effettivo il diritto allo studio esaltando la capacità ed il merito”. Per ricordare questi primi 60 anni della Costituzione italiana la Provincia ha in programma la promozione di alcuni incontri che vedranno la presenza del senatore Felice Casson.

GIANNI NACCARI

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento