Shoah, il valore del Giorno della memoria

di Alessandro Abbadir
Le iniziative in provincia di Venezia e soprattutto in città per il “Giorno della memoria” dedicato al ricordo della Shoah sono molte. Il Giorno della memoria si tiene ogni anno il 27 gennaio, quando cioè il 27 gennaio 1945 vennero liberati i campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau dall’Armata Rossa.
A Venezia gli appuntamenti però non si limiteranno ad un solo giorno. In accordo con le comunità ebraiche e il comune si terranno dei percorsi educativi per ragazzi e adulti. Al Museo ebraico di Venezia nell’antico ghetto a novembre è partita la mostra “Anne Frank: una storia attuale”. La mostra, realizzata grazie alla collaborazione tra Comunità ebraica veneziana, Codess cultura e Associazione figli della Shoah, con il contributo della Regione Veneto, presenta la storia della Shoah attraverso un’angolazione biografica e approfondisce il tema della tutela dei diritti umani nelle società attuali. Ci sono fotografie, molte della quali inedite, immagini, citazioni delle pagine del diario di Anne raccontano della condizione di una famiglia ebrea tedesca nel periodo nazista e offrono una dettagliata ed accessibile informazione sul contesto storico. La visita e le relative attività didattiche è considerata preparatorie alla celebrazione del Giorno della memoria 2009. E’ possibile visitare il museo tutti i giorni in orario di apertura del museo, da domenica a venerdì dalle ore 10 alle 18. Venerdì pomeriggio chiusura anticipata per celebrazione del Sabato. La classe potrà visitare autonomamente la mostra senza guida. Le classi avranno partenza scaglionata: una classe all’ora. Ma al Museo Ebraico ci sarà anche per i bambini la possibilità di incontrare un testimone di quella tragedia in una aula didattica I giorni di incontro col testimone sono il lunedì e giovedì. A gennaio nel giorno della memoria partiranno percorsi didattici ad hoc nei quali ci saranno letture animate per i bambini con i volontari dell’Associazione I figli della Shoah. Il museo poi continuerà negli altri mesi fino a maggio con iniziative tipiche della tradizione ebraica. A febbraio ci sarà il “Lunario, giocando con le feste ebraiche”. Sarà presentata “La festa di Purim, la magica storia della regina Ester”. A marzo e aprile “Festa di Pasqua: haggadà di Pesach racconto di libertà”. A maggio il laboratorio “Shalom Shabbat: benvenuto al sabato”. Per informazioni sulle iniziative del Museo Ebraico tel 041 715 349 Se il Museo ebraico offre una vasta gamma di iniziative in tutti i comuni della provincia e a Venezia il 27 gennaio ci saranno appuntamenti per ricordare questo giorno. Anche la provincia è pronta: “Abbiamo organizzato — dice l’assessore alla Pubblica istruzione provinciale Andrea Ferrazzi – un convegno al Centro Candiani a Mestre il 29 gennaio 2009 sul valore della Resistenza e anche sul ricordo della Shoah“. A Mira verrà celebrata Adele Zara, una donna di Oriago designata Giusto delle Nazioni da Israele per aver salvato una famiglia ebraica dalle deportazioni naziste. Cerimonie pubbliche si terranno a Chioggia, Cavarzere, San Donà, in Riviera del Brenta e nel Miranese.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Shoah, il valore del Giorno della memoria

di Alessandro Abbadir
Le iniziative in provincia di Venezia e soprattutto in città per il “Giorno della memoria” dedicato al ricordo della Shoah sono molte. Il Giorno della memoria si tiene ogni anno il 27 gennaio, quando cioè il 27 gennaio 1945 vennero liberati i campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau dall’Armata Rossa.
A Venezia gli appuntamenti però non si limiteranno ad un solo giorno. In accordo con le comunità ebraiche e il comune si terranno dei percorsi educativi per ragazzi e adulti. Al Museo ebraico di Venezia nell’antico ghetto a novembre è partita la mostra “Anne Frank: una storia attuale”. La mostra, realizzata grazie alla collaborazione tra Comunità ebraica veneziana, Codess cultura e Associazione figli della Shoah, con il contributo della Regione Veneto, presenta la storia della Shoah attraverso un’angolazione biografica e approfondisce il tema della tutela dei diritti umani nelle società attuali. Ci sono fotografie, molte della quali inedite, immagini, citazioni delle pagine del diario di Anne raccontano della condizione di una famiglia ebrea tedesca nel periodo nazista e offrono una dettagliata ed accessibile informazione sul contesto storico. La visita e le relative attività didattiche è considerata preparatorie alla celebrazione del Giorno della memoria 2009. E’ possibile visitare il museo tutti i giorni in orario di apertura del museo, da domenica a venerdì dalle ore 10 alle 18. Venerdì pomeriggio chiusura anticipata per celebrazione del Sabato. La classe potrà visitare autonomamente la mostra senza guida. Le classi avranno partenza scaglionata: una classe all’ora. Ma al Museo Ebraico ci sarà anche per i bambini la possibilità di incontrare un testimone di quella tragedia in una aula didattica I giorni di incontro col testimone sono il lunedì e giovedì. A gennaio nel giorno della memoria partiranno percorsi didattici ad hoc nei quali ci saranno letture animate per i bambini con i volontari dell’Associazione I figli della Shoah. Il museo poi continuerà negli altri mesi fino a maggio con iniziative tipiche della tradizione ebraica. A febbraio ci sarà il “Lunario, giocando con le feste ebraiche”. Sarà presentata “La festa di Purim, la magica storia della regina Ester”. A marzo e aprile “Festa di Pasqua: haggadà di Pesach racconto di libertà”. A maggio il laboratorio “Shalom Shabbat: benvenuto al sabato”. Per informazioni sulle iniziative del Museo Ebraico tel 041 715 349 Se il Museo ebraico offre una vasta gamma di iniziative in tutti i comuni della provincia e a Venezia il 27 gennaio ci saranno appuntamenti per ricordare questo giorno. Anche la provincia è pronta: “Abbiamo organizzato — dice l’assessore alla Pubblica istruzione provinciale Andrea Ferrazzi – un convegno al Centro Candiani a Mestre il 29 gennaio 2009 sul valore della Resistenza e anche sul ricordo della Shoah“. A Mira verrà celebrata Adele Zara, una donna di Oriago designata Giusto delle Nazioni da Israele per aver salvato una famiglia ebraica dalle deportazioni naziste. Cerimonie pubbliche si terranno a Chioggia, Cavarzere, San Donà, in Riviera del Brenta e nel Miranese.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Shoah, il valore del Giorno della memoria

di Alessandro Abbadir
Le iniziative in provincia di Venezia e soprattutto in città per il “Giorno della memoria” dedicato al ricordo della Shoah sono molte. Il Giorno della memoria si tiene ogni anno il 27 gennaio, quando cioè il 27 gennaio 1945 vennero liberati i campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau dall’Armata Rossa.
A Venezia gli appuntamenti però non si limiteranno ad un solo giorno. In accordo con le comunità ebraiche e il comune si terranno dei percorsi educativi per ragazzi e adulti. Al Museo ebraico di Venezia nell’antico ghetto a novembre è partita la mostra “Anne Frank: una storia attuale”. La mostra, realizzata grazie alla collaborazione tra Comunità ebraica veneziana, Codess cultura e Associazione figli della Shoah, con il contributo della Regione Veneto, presenta la storia della Shoah attraverso un’angolazione biografica e approfondisce il tema della tutela dei diritti umani nelle società attuali. Ci sono fotografie, molte della quali inedite, immagini, citazioni delle pagine del diario di Anne raccontano della condizione di una famiglia ebrea tedesca nel periodo nazista e offrono una dettagliata ed accessibile informazione sul contesto storico. La visita e le relative attività didattiche è considerata preparatorie alla celebrazione del Giorno della memoria 2009. E’ possibile visitare il museo tutti i giorni in orario di apertura del museo, da domenica a venerdì dalle ore 10 alle 18. Venerdì pomeriggio chiusura anticipata per celebrazione del Sabato. La classe potrà visitare autonomamente la mostra senza guida. Le classi avranno partenza scaglionata: una classe all’ora. Ma al Museo Ebraico ci sarà anche per i bambini la possibilità di incontrare un testimone di quella tragedia in una aula didattica I giorni di incontro col testimone sono il lunedì e giovedì. A gennaio nel giorno della memoria partiranno percorsi didattici ad hoc nei quali ci saranno letture animate per i bambini con i volontari dell’Associazione I figli della Shoah. Il museo poi continuerà negli altri mesi fino a maggio con iniziative tipiche della tradizione ebraica. A febbraio ci sarà il “Lunario, giocando con le feste ebraiche”. Sarà presentata “La festa di Purim, la magica storia della regina Ester”. A marzo e aprile “Festa di Pasqua: haggadà di Pesach racconto di libertà”. A maggio il laboratorio “Shalom Shabbat: benvenuto al sabato”. Per informazioni sulle iniziative del Museo Ebraico tel 041 715 349 Se il Museo ebraico offre una vasta gamma di iniziative in tutti i comuni della provincia e a Venezia il 27 gennaio ci saranno appuntamenti per ricordare questo giorno. Anche la provincia è pronta: “Abbiamo organizzato — dice l’assessore alla Pubblica istruzione provinciale Andrea Ferrazzi – un convegno al Centro Candiani a Mestre il 29 gennaio 2009 sul valore della Resistenza e anche sul ricordo della Shoah“. A Mira verrà celebrata Adele Zara, una donna di Oriago designata Giusto delle Nazioni da Israele per aver salvato una famiglia ebraica dalle deportazioni naziste. Cerimonie pubbliche si terranno a Chioggia, Cavarzere, San Donà, in Riviera del Brenta e nel Miranese.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Shoah, il valore del Giorno della memoria

di Alessandro Abbadir
Le iniziative in provincia di Venezia e soprattutto in città per il “Giorno della memoria” dedicato al ricordo della Shoah sono molte. Il Giorno della memoria si tiene ogni anno il 27 gennaio, quando cioè il 27 gennaio 1945 vennero liberati i campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau dall’Armata Rossa.
A Venezia gli appuntamenti però non si limiteranno ad un solo giorno. In accordo con le comunità ebraiche e il comune si terranno dei percorsi educativi per ragazzi e adulti. Al Museo ebraico di Venezia nell’antico ghetto a novembre è partita la mostra “Anne Frank: una storia attuale”. La mostra, realizzata grazie alla collaborazione tra Comunità ebraica veneziana, Codess cultura e Associazione figli della Shoah, con il contributo della Regione Veneto, presenta la storia della Shoah attraverso un’angolazione biografica e approfondisce il tema della tutela dei diritti umani nelle società attuali. Ci sono fotografie, molte della quali inedite, immagini, citazioni delle pagine del diario di Anne raccontano della condizione di una famiglia ebrea tedesca nel periodo nazista e offrono una dettagliata ed accessibile informazione sul contesto storico. La visita e le relative attività didattiche è considerata preparatorie alla celebrazione del Giorno della memoria 2009. E’ possibile visitare il museo tutti i giorni in orario di apertura del museo, da domenica a venerdì dalle ore 10 alle 18. Venerdì pomeriggio chiusura anticipata per celebrazione del Sabato. La classe potrà visitare autonomamente la mostra senza guida. Le classi avranno partenza scaglionata: una classe all’ora. Ma al Museo Ebraico ci sarà anche per i bambini la possibilità di incontrare un testimone di quella tragedia in una aula didattica I giorni di incontro col testimone sono il lunedì e giovedì. A gennaio nel giorno della memoria partiranno percorsi didattici ad hoc nei quali ci saranno letture animate per i bambini con i volontari dell’Associazione I figli della Shoah. Il museo poi continuerà negli altri mesi fino a maggio con iniziative tipiche della tradizione ebraica. A febbraio ci sarà il “Lunario, giocando con le feste ebraiche”. Sarà presentata “La festa di Purim, la magica storia della regina Ester”. A marzo e aprile “Festa di Pasqua: haggadà di Pesach racconto di libertà”. A maggio il laboratorio “Shalom Shabbat: benvenuto al sabato”. Per informazioni sulle iniziative del Museo Ebraico tel 041 715 349 Se il Museo ebraico offre una vasta gamma di iniziative in tutti i comuni della provincia e a Venezia il 27 gennaio ci saranno appuntamenti per ricordare questo giorno. Anche la provincia è pronta: “Abbiamo organizzato — dice l’assessore alla Pubblica istruzione provinciale Andrea Ferrazzi – un convegno al Centro Candiani a Mestre il 29 gennaio 2009 sul valore della Resistenza e anche sul ricordo della Shoah“. A Mira verrà celebrata Adele Zara, una donna di Oriago designata Giusto delle Nazioni da Israele per aver salvato una famiglia ebraica dalle deportazioni naziste. Cerimonie pubbliche si terranno a Chioggia, Cavarzere, San Donà, in Riviera del Brenta e nel Miranese.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento