Una mostra parodia della libertà

Fabio Negri nato Adria, ma residente a Rivà di Ariano Polesine, ha per la fotografia una passione che coltiva dall’età adolescenziale.
L’amore per la sua terra, inoltre, lo ha portato a documentare il Delta del Po con precisi scatti, presenti nel sito www.visita-delta.it , ma è stato con la serie fotografica titolata Summer Front che ha ottenuto il riconoscimento della critica, entrando con pieno diritto nel mondo dell’arte contemporanea.
Per meglio conoscere la storia di Fabio, gli abbiamo posto alcune domande:
Cos’è Summer Front?
“Mi hanno sempre affascinato le immagini caratterizzate da rigore geometrico e coerenza compositiva, così mi sono impegnato in un progetto fotografico che prendesse spunto dalla vita di tutti i giorni per raccontarne le atmosfere sospese e rarefatte, quasi al limite del surreale, che avvolgono ognuno di noi per lo più in modo inconsapevole.
Il progetto Summer Front si cala nell’ambito della fotografia del paesaggio italiano, volta ad indagare ed a documentare la componente umana ed architettonica di ciò che ci circonda.
Il contesto è quello della costa adriatica, la stagione quella estiva, i contradditori comportamenti degli abitanti suggeriscono riflessioni sullo stato confusionale dell’umana esistenza. Il mio sguardo si è posato sulle facciate estive dei palazzoni del lungomare riproducendone le rigide strutture, e soprattutto l’ordine ed il disordine proprie dell’Uomo che li ha generati”.
In particolare quali sono i comportamenti contradditori che ha individuato?
“Per l’immaginario comune l’estate è sinonimo di libertà, ma quale libertà? La liberazione dagli standard e dalle convenzioni ci appare negata nella comune fruizione di un prodotto massificato rappresentato dai residence balneari in cui il concetto di libertà appare quantomeno “sfumato”.
Chi osserva una “summer” percepisce distanze, spazi, e confini…l’osservatore diventa osservato e viceversa. Non vi è contatto, le ringhiere, le pareti, i muretti, svolgono perfettamente la loro primaria funzione. La separazione è dichiarata, intima e razionale. Gli spazi sono definiti, i confini delimitati, eppure la contraddizione è evidente.
In Summer Front la componente grafica è di supporto al pensiero. Le rigide geometrie e la ripetitività degli spazi si affacciano con irriguardosa ironia a rammentarci che la libertà è altra cosa. Summer front è la parodia della libertà”.
Come si è formato il suo stile fotografico?
“All’inizio ero affascinato dai cromatismi di Franco Fontana, i suoi paesaggi colorati e spettacolari erano un punto di riferimento con il quale raccontare il Delta del Po, in seguito ho scoperto gli affascinanti paesaggi di Gabriele Basilico. Le sue visioni ed il suo sguardo sul paesaggio urbano mi hanno folgorato, insinuandomi l’idea che osservare il territorio plasmato dall’uomo, non è cosa disgiunta dal osservare l’uomo stesso. Massimo Vitali ha completato il mio percorso: le sue spiagge affollate mi hanno incantato per la sfiziosità dei particolari e l’atmosfera tutta italiana, trasferendomi l’idea che la fotografia di paesaggio è gradevolezza della composizione, ma anche un importante documento storiografico”.
Quali altri progetti intende perseguire in futuro?
“L’ambito del paesaggio urbano mi stimola e l’ambizione di rinnovare “l’insinuazione del dubbio” mi entusiasma. Troppo spesso mi sento spiazzato delle altrui certezze, in un mondo in cui non c’è più nulla di certo, rimango sorpreso dal pensiero assolutista col quale siamo abituati a confrontarci. I grigi non esistono più, le mezze misure ci appaiono fuori luogo, c’è sempre qualcuno pronto a scommettere sulle proprie verità. Lo scarto che esiste tra la percezione della realtà e la realtà stessa, mi affascina e mi deprime al tempo stesso.
Proprio per questo ritengo che “insinuare il dubbio” attorno ai nostri gesti quotidiani, quasi robotici, in favore della verità, sia una missione stimolante e tutt’altro che inutile”.

UMBERTO CARZOLI

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento