Aumenta la retta, il Comitato parenti si dimette

È finito tra le polemiche l’anno dell’Ipab, l’Istituto per anziani di Chioggia. Gli incrementi della retta della struttura non è piaciuta a figli e nipoti degli ospiti, tanto che il Comitato parenti ha deciso di dare le dimissioni.
Il Comitato sarebbe stato infatti messo al corrente della decisione di aumentare del 6% la mensilità per il ricovero presso l’Istituto solo a cose fatte, e non condividerebbe l’esternalizzazione di alcuni servizi, come la gestione del complesso “Il Boschetto” a una cooperativa di servizi. Il presidente dell’Istituto, Matteo Penzo, ha spiegato che l’aumento servirà per la copertura economica, per avviare nuovi servizi e per coprire i debiti ereditati dalla nuova gestione. Ma questa mossa non è stata condivisa dai parenti, che avrebbero preferito prendere parte a questa decisione. “Siamo un organo consultivo — ha precisato Gianni Destro, presidente del Comitato – Mi chiedo che senso abbia interpellarci per decisioni già prese. Sarebbe più logico fare il contrario. Prima di far parte del Comitato parenti di Chioggia, sono stato parte di quello di Adria perché mia mamma era ricoverata là. Quando ci convocavano ci venivano prospettate soluzioni che venivano assunte solo dopo la consultazione e spesso nel rispetto delle nostre richieste”. Il Comitato non condivide neanche l’attivazione di alcuni servizi come le cure odontoiatriche, mentre il supporto psicologico, certamente utile agli ospiti, da solo non giustifica un aumento così massiccio della retta, ben oltre i dati Istat. Per quanto riguarda la situazione debitoria, indubbiamente reale, l’ex presidente dell’Ipab, Amorino Pagan, afferma di aver chiuso il suo mandato con un disavanzo di 44mila euro su un movimento di 7 milioni e 600mila euro. Ma questa cifra doveva essere coperta dal credito che la casa di riposo ha nei confronti della Regione, che avrebbe dovuto liquidare la somma dovuta già nel giugno scorso. La polemica è stata subito condivisa dal partito della Rifondazione Comunista, che ha osservato come anche le turnazioni di servizio nella struttura vadano spesso a discapito del personale di ruolo.

MARTA BOSCOLO

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento