Nuove strategie per far decollare la produzione

di Marco Dughiero

“Sul tema delle “buone prassi produttive” si gioca il presente e il futuro delle filiere venete che hanno per oggetto la vongola verace”. Questo il motivo trainante che l’assessore regionale alla Pesca Isi Coppola (nella foto) ha voluto lanciare aprendo a Chioggia in occasione del convegno durante il quale è stato presentato il “Manuale di corretta prassi igienica della produzione della vongola verace nel Veneto”. L’assessore ha ricordato che il Veneto è distretto produttivo leader nel comparto delle vongole veraci.
“E’ necessario investire – ha aggiunto – per assicurare i necessari strumenti di gestione, che non sono solo superfici da mettere in produzione o superfici dove prelevare seme, ma anche protocolli operativi e strumenti di controllo, tenuto conto che il comparto dà lavoro a migliaia di persone ed è fonte di sostentamento per moltissime famiglie”. Nel Veneto esistono due importanti realtà produttive di valenza nazionale ed internazionale, quella lagunare veneziana e quella polesana, che si differenziano per storia, caratteristiche, problematicità, prospettive. In entrambe, comunque, le buone prassi a livello produttivo sono fattore discriminante, da un lato per mantenere e migliorare le performance produttive e commerciali, dall’altro per conquistare i necessari margini di credibilità. L’assessore ha indicato come ulteriore obiettivo quello di affrontare il mercato attraverso sistemi di tracciabilità e di controllo che garantiscano il consumatore. “Il manuale – ha concluso – rappresenta uno strumento messo a disposizione dei produttori sulla base di un partenariato “pubblico-privato” che vede uniti da una parte le istituzioni a vario livello coinvolte in materia di controllo sanitario, dall’altra le realtà cooperative e consortili più importanti a livello regionale. Pubblico e privato perseguono lo stesso obiettivo, pur nella diversità dei compiti e delle responsabilità. Solo su questa “coincidenza di obiettivi” è possibile costruire percorsi di sviluppo del comparto che siano convincenti agli occhi del consumatore”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento