Il casello di Cappella pronto in un anno

«E’ una soluzione ampia che tiene conto di tutte le possibilità viabilistiche del territorio. L’obiettivo, salvo problemi, è di renderlo fruibile fra un anno». Dopo tante ipotesi di dove sorgerà il casello di Cappella, il commissario al Passante Silvano Vernizzi ha mostrato il progetto preliminare al sindaco di Martellago Giovanni Brunello, al commissario prefettizio di Scorzè Luigi Pizzi e all’assessore provinciale alla Viabilità Paolo Gatto. Dunque ora c’è un pezzo di carta su dove sarà costruita l’opera, dopo tanti mesi di chiacchiere e di ipotesi. Se tutto dovesse filare liscio con l’iter, tra un anno dovrebbe essere aperto al traffico. La nuova opera sorgerà a Nord del Dese, subito dopo il cavalcavia che sovrapasserà il fiume. Sarà in parte in territorio di Scorzè e in parte in quello di Martellago e avrà una forma a diamante, con due uscite e altrettante entrate. I progettisti del Passante lo hanno studiato per permettere di essere collegato in futuro alla variante alla 515 e alla Super Castellana. Inoltre le riunioni delle prossime settimane, serviranno a trovare tutte quelle migliorie in grado di ridurre il suo impatto sul territorio. Poi si dovranno presentare le osservazioni al progetto, inviato ai ministeri competenti Ambiente e Infrastrutture ed essere vagliato dalla commissione per la Valutazione dell’impatto ambientale (Via) e il Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe). Insomma, fra dodici mesi dovrebbe essere realtà il casello in grado di dare sfogo al traffico del comprensorio e permettere di liberare i centri abitati dalle auto. Considerato che i lavori della variante alla 515 stanno andando avanti in territorio di Noale, che presto sarà messo a bando anche il tratto in quello di Scorzè, in pochi anni i camion potrebbero davvero avere una valida alternativa al transito attuale. Senza considerare che più volte i sindaci del Miranese avevano chiesto che l’apertura dei caselli di Crea a Cappella avvenga in maniera congiunta, proprio per evitare problemi alla già precaria viabilità del territorio. «Vernizzi ci ha presentato il progetto preliminare — commenta il sindaco Brunello — e ora vedremo quali modifiche apportare, valutando le ipotesi a disposizione». Intanto Vernizzi ha spiega come il casello di Spinea sarà pronto tra e primavera ed estate prossimi.
Alessandro Ragazzo

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento