La Piovese punta la capolista Sottomarina

Dopo la seconda giornata del girone di ritorno la Piovese si trova seconda in classifica dietro al lanciato Sottomarina che guida il girone con 37 punti ( contro i 34 dei piovesi) e una partita da recuperare con il fanalino di coda Turchese, un solo punto guadagnato e battuto dai biancorossi per tre a zero con gol di Spagnoli e doppietta di Urbinati. Con l’innesto di Alban ma soprattutto di Baiana a centrocampo la squadra appare più equilibrata ed in grado di creare scemi più confacenti al bomber Spagnoli. Poche squadra possono vantare davanti un ariete come lui capace di metterla dentro di piede e di testa. L’importante è creargli le condizioni per poterlo fare. Lui ama ricevere palla dalle fasce quando vede la porta non quando le gira le spalle. Uno che può essergli utile è Biolo, capace di puntare l’uomo e crossare, a patto che non si intestardisca del tenere palla. Una bella novità (ma non per gli juniores) è il giovane portiere Elia Lorenzetto (classe ’92) schierato per due partite dal mister Gazzetta in sostituzione del più esperto Borghetto alle prese con malanni al ginocchio: “In campo ed è stato veramente bravo nel neutralizzare i tiri in porta degli avversari” ha detto di lui Gazzetta. Circa il reparto difensivo nulla da dire considerato che la Piovese vanta il primato di aver preso solamente 8 gol in 18 partite. Quando andiamo in stampa i biancorossi dovranno ancora affrontare il Sottomarina sul loro campo. Sarà sicuramente una partita dura e difficile, ma si sa che i biancorossi si esaltano negli scontri al vertice. Portare a casa anche un solo punto dalla trasferta lagunare sarebbe un bel bottino ma per agguantare la vetta della classifica serve la vittoria. E’ impensabile che i lagunari non battano la Turchese pertanto il divario è da considerare di sei punti. Rosicchiarne tre vorrebbe dire fare un bel salto in avanti e mettere nelle condizioni il Sottomarina di non poter più sbagliare una partita e fargli sentire il fiato sul collo. “Più che fare la corsa sul Sottomarina — afferma il presidente Claudio Dalla Pria — dobbiamo prima di tutto essere concentrati sempre, sbagliare poco e portare a casa i tre punti, poi guarderemo la classifica. Secondo me il campionato si potrebbe decidere a marzo periodo in cui affiorano le squadre ben allenate e che hanno speso meno, poi conta anche l’aiuto della Dea bendata e spero abbia un occhio di riguardo per la mia squadra anche sul fronte degli infortuni”.
Gianni Patella

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

La Piovese punta la capolista Sottomarina

Dopo la seconda giornata del girone di ritorno la Piovese si trova seconda in classifica dietro al lanciato Sottomarina che guida il girone con 37 punti ( contro i 34 dei piovesi) e una partita da recuperare con il fanalino di coda Turchese, un solo punto guadagnato e battuto dai biancorossi per tre a zero con gol di Spagnoli e doppietta di Urbinati. Con l’innesto di Alban ma soprattutto di Baiana a centrocampo la squadra appare più equilibrata ed in grado di creare scemi più confacenti al bomber Spagnoli. Poche squadra possono vantare davanti un ariete come lui capace di metterla dentro di piede e di testa. L’importante è creargli le condizioni per poterlo fare. Lui ama ricevere palla dalle fasce quando vede la porta non quando le gira le spalle. Uno che può essergli utile è Biolo, capace di puntare l’uomo e crossare, a patto che non si intestardisca del tenere palla. Una bella novità (ma non per gli juniores) è il giovane portiere Elia Lorenzetto (classe ’92) schierato per due partite dal mister Gazzetta in sostituzione del più esperto Borghetto alle prese con malanni al ginocchio: “In campo ed è stato veramente bravo nel neutralizzare i tiri in porta degli avversari” ha detto di lui Gazzetta. Circa il reparto difensivo nulla da dire considerato che la Piovese vanta il primato di aver preso solamente 8 gol in 18 partite. Quando andiamo in stampa i biancorossi dovranno ancora affrontare il Sottomarina sul loro campo. Sarà sicuramente una partita dura e difficile, ma si sa che i biancorossi si esaltano negli scontri al vertice. Portare a casa anche un solo punto dalla trasferta lagunare sarebbe un bel bottino ma per agguantare la vetta della classifica serve la vittoria. E’ impensabile che i lagunari non battano la Turchese pertanto il divario è da considerare di sei punti. Rosicchiarne tre vorrebbe dire fare un bel salto in avanti e mettere nelle condizioni il Sottomarina di non poter più sbagliare una partita e fargli sentire il fiato sul collo. “Più che fare la corsa sul Sottomarina — afferma il presidente Claudio Dalla Pria — dobbiamo prima di tutto essere concentrati sempre, sbagliare poco e portare a casa i tre punti, poi guarderemo la classifica. Secondo me il campionato si potrebbe decidere a marzo periodo in cui affiorano le squadre ben allenate e che hanno speso meno, poi conta anche l’aiuto della Dea bendata e spero abbia un occhio di riguardo per la mia squadra anche sul fronte degli infortuni”.
Gianni Patella

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento