Storie di genitori e figli del sabato sera

“Storie di genitori e figli del sabato sera”, è il titolo del ciclo di tre conferenze che il teatro Goldoni di Cavarzere ospiterà i venerdì del 13 e 27 marzo e del 3 aprile alle 20,45. L’iniziativa nasce per sensibilizzare e informare i genitori, e gli adulti in generale, che a volte faticano a riconoscere segnali e comportamenti a rischio nei loro figli.
L’idea è partita da un gruppo di genitori particolarmente sensibili che ha chiesto aiuto rivolgendosi all’assessorato alle Politiche giovanili e agli educatori del Centro giovanile di Cavarzere.
Tale richiesta ha dato vita ad un tavolo di lavoro, formato da un gruppo spontaneo di genitori, dagli operatori del Centro giovanile, dall’assessorato alle Politiche giovanili, dallo psicologo Filippo Sturaro, da Padre Pietro Bettelli e da Don Michele Mariotto, che da diversi mesi si riunisce periodicamente per la realizzazione delle tre serate.
L’iniziativa vede inoltre la collaborazione dell’Avis di Cavarzere e Cona. Gli incontri saranno tenuti da relatori diversi, hanno un taglio molto concreto e finalizzato ad un momento di riflessione per genitori.
Il tema della prima conferenza, dal titolo “Essere genitori oggi: nuove responsabilità educative”, tratterà in generale il disagio giovanile ed il rapporto genitori-figli.
Relatore il dottor Ezio Aceti, noto psicopedagogista, consulente del Comune di Milano e autore di numerose pubblicazioni per genitori ed educatori.
La conferenza del 27, dal titolo “Mio figlio…no! L’esperienza dell’uso di sostanze stupefacenti e le paure dei genitori”, prevede l’intervento di Mario Benusiglio con la figlia Giorgia, una ragazza milanese che nel ’99 è stata salvata da un trapianto di fegato dopo aver ingerito mezza pasticca di ecstasy.
Da quasi una decina d’anni, Giorgia e suo padre mettono a servizio di giovani e famiglie la loro esperienza e il loro personale vissuto, portandone testimonianza nelle scuole e in alcune trasmissioni televisive.
Padre e figlia saranno accompagnati da un esperto del Sert dell’Asl di Milano.
Il 3 aprile si parlerà di “Sballo, comportamenti a rischio…quali responsabilità giuridiche?” sarà presente il tenente colonnello Andrea Firrincieli, comandante del Reparto operativo del Comando provinciale dei Carabinieri di Rovigo, che da molto tempo si occupa di pianificazione di servizi preventivi nel settore antidroga, di educazione alla legalità indirizzata agli studenti e di interventi di sostegno rivolti a genitori ed insegnanti.
A lui si affiancherà un operatore del Sert dell’Asl 14, il quale fornirà indicazioni e riferimenti dei servizi che nel nostro territorio si occupano di problematiche legate all’uso di sostanze stupefacenti.
Gli incontri non affronteranno il tema della dipendenza da droghe ma quello del loro uso anche occasionale, fenomeno sempre più diffuso tra i giovani, comportamento ugualmente rischioso e spesso sottovalutato dai genitori e dal mondo adulto in generale.
Come verrà sottolineato più volte durante il ciclo di conferenze, basta una volta sola per rovinare una vita.
Nicla Sguotti

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento