Come vivere sani

A Vigonovo il sistema sanitario entra nelle case dei cittadini. Dopo il Bilancio Sociale e la Carta dei Servizi Sociali, è stato distribuito alle famiglie il libretto “Viver Sani a Vigonovo”, curato dal Comune con il contributo della Regione Veneto. Si tratta di un altro utile tassello nell’attività di informazione dei servizi alla persona presenti nel territorio comunale.
Nella guida si puntano i riflettori sulle strutture per la salute e il benessere di tipo pubblico e privato convenzionato aperte al pubblico e certificate da procedure di autorizzazione ai sensi delle recenti leggi regionali. Il testo si rivela così un vademecum completo di nominativi, recapiti e riferimenti delle professioni sanitarie presenti a Vigonovo: da quelle convenzionate col sistema sanitario (medici di base e pediatri) agli studi di professionisti (medici chirurghi, odontoiatri, oculisti, farmacisti convenzionati e libero professionisti). La brochure è stata approvata anche dall’Ordine dei Medici e Chirurghi di Venezia.
“Quello che ci ha spinto a promuovere quest’opera è la consapevolezza che un’efficace informazione per la salute aiuta a vivere meglio — spiega il sindaco Leonardo Galenda -. Una chiara, corretta e completa spiegazione circa i servizi offerti e la loro dislocazione sul territorio, infatti, contribuisce al benessere in quanto favorisce le attività di prevenzione e cura delle malattie e migliora l’appropriatezza dei trattamenti. Questo testo vuole quindi costituire una base per il miglioramento del rapporto tra fornitori e fruitori del servizio sanitario e un vantaggioso strumento comunicativo e informativo in ambito locale. Saperne di più, in altre parole, eleva il grado di consapevolezza, partecipazione, e soddisfazione dei residenti”.
Negli ultimi anni lo scenario del sistema integrato dei servizi sociali e sociosanitari è cambiato a livello nazionale, regionale e locale. Enti e istituzioni si sono rese conto dell’importanza di attribuire un ruolo attivo al cittadino nei processi di scelta dei servizi, che non devono più essere calati dall’alto. Con l’approvazione della legge regionale del Veneto n. 22/2002 sono stati poi definitivamente sanciti due principi fondamentali: la parità fra erogatore pubblico ed erogatore privato e la regolamentazione del settore socio-sanitario e sociale attraverso i due istituiti dell’autorizzazione e dell’accreditamento. Questo nell’ottica di una sempre maggiore corrispondenza delle aspettative alle necessità degli utenti. Ciò che va promosso, dunque, è la necessità di collaborazione tra tutte le parti coinvolte, favorita da un’adeguata azione di informazione e da un contesto di reciproca disponibilità.
A.T.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento