Home Padovano Bassa Padovana Ex Carabinieri in pattuglia

Ex Carabinieri in pattuglia

Un esempio di partecipazione attiva alla vita sociale che arriva direttamente da chi per anni ha servito la cittadinanza. Un servizio che rende Este città più sicura e più controllata. Una garanzia per la vivibilità di una cittadina che da sempre attrae famiglie e turisti. Sono solo alcuni degli obiettivi che stanno alla base del protocollo d’intesa siglato a fine gennaio dall’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo e dall’amministrazione comunale di Este, che ha assicurato per un anno la collaborazione degli ex militari nel monitoraggio e nel controllo del territorio cittadino.
L’accordo è stato firmato del vicesindaco Stefano Agujari Stoppa e da Gino Permunian, presidente della sezione atestina dell’associazione, e prevede un “pattugliamento” costante dei carabinieri in congedo all’interno della città, in particolar modo nei luoghi di aggregazione per eccellenza quali piazze e giardini. L’intesa prevede un totale di 50 uscite all’anno, per un totale di 300 ore di servizio, senza contare ovviamente le manifestazioni straordinarie nelle quali i carabinieri in congedo garantiranno la propria disponibilità. La presenza degli ex militari (due per turno) sarà fissa ogni domenica pomeriggio: il debutto, avvenuto lo scorso 14 febbraio, ha già fatto intendere che l’iniziativa è ben accolta dalla gente.
Sono tredici i carabinieri in congedo che si sono resi disponibili: tra questi ci sono anche un tenente e un brigadiere capo. Il servizio accordato con il Comune, giusto dirlo, sarà reso possibile anche grazie all’intervento di alcuni sponsor: il costo di ogni divisa sociale, tanto per capire, tocca addirittura i 200 euro, cifra che non si sarebbe potuta coprire senza l’intervento di alcuni privati.
“Una presenza qualificata e qualificante — ha sottolineato il vicesindaco Agujari Stoppa — che chiama in causa professionisti con una consolidata esperienza alle spalle. Conoscendo la città saranno anche un valore aggiunto per la vivibilità del centro. Potranno per esempio fornire indicazioni logistiche e turistiche ai cittadini».
Guai a parlare di “ronde”, però. Il servizio dei carabinieri in congedo non si sostituirà in alcuno modo a quello delle forze dell’ordine e sarà orientato in tutt’altra direzione. In tutto la sezione atestina dell’associazione conta 380 soci, tra effettivi, familiari e simpatizzanti: quella di Este è certamente una delle realtà più floride a livello provinciale.
Nicola Cesaro

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette