L’Ecogest stringe la sorveglianza

I dati sul materiale riciclato che l’assessore all’Ambiente Gianni Ferro ci riporta con soddisfazione dimostrano che la raccolta differenziata sta dando ottimi risultati.
Assessore come è andata la raccolta?
“Secondo i dati di Ecogest se nel 2007 la raccolta si era attestata sul 59%, ora ha raggiunto quota 67%. Un grande passo verso la differenziazione quasi totale dei rifiuti e quindi il recupero dei materiali, con un deposito in discarica sempre minore”.
Il servizio dunque funziona.
“Certo, ma necessario aggiornarlo con continui accorgimenti. Ad esempio nella zona 7, quella del centro, essendo la frequenza dei passaggi più elevata, per la presenza di utenze non domestiche come bar e ristoranti, è stato dato un contenitore più piccolo alle famiglie in modo tale da avere meno ingombro”.
Ci sono ancora episodi di inciviltà?
“Purtroppo si, infatti, continua l’abbandono dei rifiuti di casa nei cestini dislocati nella città. Per risolvere il problema abbiamo pensato di reintrodurre il controllo da parte dei vigili con operatori Ecogest, per individuare, dal tipo di rifiuto, i cittadini non rispettosi della differenziata. Tornerà quindi l’applicazione delle sanzioni previste dalla Legge. Inoltre Ecogest farà controlli incrociati con altri enti, per individuare chi, ad esempio, non risulta utente e quindi non paga le tasse dovute o usufruisce dei servizi abusivamente. C’è anche chi lascia i propri rifiuti nei cestini degli altri per sottrarsi alla retta. Questo succede ad esempio con quei cittadini che essendo in affitto, non vengono segnalati dai proprietari”.
Cambiando argomento, può dare delucidazioni in merito alla pericolosità dei pini di via Badini?
“Faccio una premessa: l’ufficio tecnico a suo tempo ha inviato alla Giunta una nota scritta in cui avvisa della pericolosità di 10 pini della via in questione. Lo stesso ufficio ha fornito anche un progetto sul taglio e la sostituzione di 3-4 alberi. Siccome i lavori pubblici sono di competenza dell’assessore Migliorini e la sostituzione riguarda anche l’assessorato all’ambiente la scelta è composita. Per quanto mi riguarda suggerisco la piantumazione di alberi con foglie caduche perché danno ombra d’estate e permettono il passaggio della luce d’inverno alle abitazioni sulla via. Inoltre questo tipo di pianta ha radici fittonanti, cioè che vanno in profondità, ed eviterebbero danni a marciapiedi e strade. Inoltre il loro potenziale di cattura delle polveri sottili è molto alto. La scelta poi spetterà all’ufficio tecnico”.
R.M.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento