Turbolenza giovanile, Chioggia allibita

Un gesto grave, deplorevole, una vicenda allucinante e avvilente, impensabile e imprevedibile: un insegnante di violino di una scuola media viene accoltellato da uno studente.
Lo sconcertante e drammatico episodio – che è immediatamente rimbalzato nelle prime pagine dei quotidiani nazionali, dei telegiornali e nelle notizie ‘flash’ diffuse nei vari siti Internet e poi trasformate in blog, dibattiti, chat… — non è però successo a New York, in Australia o in chissà quale lontana parte del mondo, ma nella “storica” scuola media di Chioggia, la “Silvio Pellico”, durante la lezione pomeridiana di strumento.
Non c’entrano né il bullismo, né una situazione degradata e di disagio sociale: si tratta di una scuola media ad indirizzo musicale, un’offerta formativa particolarmente importante, il massimo che si possa desiderare. “Questo fatto però deve interrogare tutta la comunità nel suo insieme sul disagio dell’età evolutiva — è il giudizio espresso dalla dirigente della scuola secondaria di primo grado” Sandra Zennaro — un’età che spesso nasconde scompensi non sempre colti o capiti dagli adulti.
Anche la dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale Carmela Palumbo si è personalmente recata per sincerarsi delle condizioni del docente, fortunatamente dichiarato fuori pericolo, inviando prontamente un ispettore per fornire un supporto a preside e professori sulle decisioni da prendere (che potrebbero prevedere anche la sospensione per tutto l’anno, il che comporterà l’esclusione dall’esame finale di terza media).
Che tipo di compagnia facciamo ai nostri figli? E’ la domanda che si è subito posta anche il sindaco Romano Tiozzo, padre di quattro figli di cui uno proprio tredicenne. La vicenda addolora e invita tutti ad una grande riflessione: occorre anche evitare facili superficialismi, ma nello stesso tempo porci degli interrogativi sul disagio che esiste tra i giovani d’oggi.
Nel giudizio espresso dall’assessore all’educazione e vicepresidente della provincia di Venezia Andrea Ferrazzi si sottolineano le difficoltà, denunciate dagli insegnanti, sulla situazione giovanile di Chioggia, collegate ad un tessuto sociale difficile e delicato, come emerge anche dai dati raccolti nell’ambito del progetto provinciale attivato già nel 2002 sul “Contrasto del disagio e promozione del benessere”.
Un parere però non condiviso dall’assessore ai Servizi sociali del Comune di Chioggia Riccardo Rossi. Il gesto è stato compiuto da un ragazzo schivo, piuttosto taciturno, mai dimostratosi violento, che non ha mai dato problemi a scuola: è un caso specifico, che non va confuso come un segnale di malessere diffuso della città e del territorio clodiense.
La dispersione scolastica, prima piuttosto ampia soprattutto nel centro storico, grazie ad una serie di interventi e collaborazioni tra le istituzioni scolastiche e l’amministrazione comunale è stata praticamente azzerata. “Il territorio è ben seguito — ha aggiunto l’assessore Rossi — abbiamo attivato molti progetti con il coinvolgimento di varie associazioni (Titoli Minori, Opera Baldo…). Inoltre non ci interessiamo solo dei “minori”, ma ci occupiamo anche delle loro famiglie”.
Istituzioni scolastiche e civili, ha ricordato il sindaco, hanno il compito di essere vicini alla scuola e alla famiglia per incrementare il senso di appartenenza alla comunità: un impegno per sostenere la scuola, la famiglia e i compagni di classe e trovare percorsi positivi per ristabilire un clima di serenità.
La scuola va avanti, il lavoro didattico continua, ma non si tratta solo di istruzione, ma di educazione e formazione in senso pieno, ha ribadito la dirigente scolastica Sandra Zennaro. I docenti sono impegnati in un continuo dialogo con le famiglie, il clima è accogliente e collaborativo, gli studenti sono coinvolti in svariate iniziative… Il cammino educativo della scuola secondaria di primo grado “Pellico” riprenderà con rinnovato impegno e con la collaborazione di tutti.
di Mario Rossetti

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento