“Autonomia veneta” Costa vuole una città nuova

Germano Costa ha reso nota la propria candidatura a sindaco di Adria. Al vertice della lista “Autonomia veneta” ha dichiarato di puntare direttamente a Palazzo Tassoni, con l’intento di cambiare parecchie cose in città. “Punterò a rinnovare l’amministrazione Comunale — ha spiegato — perché in tutti questi anni non ha creato un futuro degno della nostra storia. Cercherò di riorganizzare la macchina amministrativa per essere al servizio del cittadino e delle attività produttive. Voglio rinnovare la scuola perché è elemento formativo delle nuove generazioni, l’uso delle energie rinnovabili e il principio della solidarietà ecologica. I problemi amministrativi non mi fanno dimenticare la questione fondamentale, che il sindaco con l’intera amministrazione di maggioranza e minoranza deve essere messo nella condizione di poter gestire il proprio Comune in modo democratico, autonomo e pluralistico”. Come la mettiamo con le risorse? “I cittadini di Adria e le frazioni circostanti versano ogni anno moltissimi soldi di imposte alle casse dello Stato che è dormiente e insensibile alle vere esigenze locali. Ciò obbliga gli amministratori ad aumentare la pressione fiscale per assicurare un livello accettabile dei servizi: mi metterò in prima linea, perché questo non accada più e aiuterò le fascie più deboli, il commercio e l’artigianato locale. Ma il mio mandato lo vorrei caratterizzare anche per la realizzazione delle opere pubbliche. Sarebbe urgente il bisogno di estendere la rete delle fognature a tutte le abitazioni sprovviste di sottoservizi, è necessario inoltre deviare il traffico pesante dai centri urbani. Grandi risorse andranno spese anche per incentivare il risparmio energetico e un utilizzo sempre più massiccio delle fonti rinnovabili. E’ necessario, inoltre, continuare ad incentivare la raccolta differenziata arrivando a differenziare tutto il prodotto”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento