Centro cantiere a cielo aperto

Il comune di Dolo sta per diventare un cantiere a cielo aperto. Sono molti i progetti previsti dal nuovo assessore ai lavori pubblici Silvio Ascari che per la prima volta espone gli interventi previsti fino alla fine anno.“A fine febbraio — spiega — sono partiti i lavori di illuminazione di via Brentasecca a Sambruson dove sarà attuato anche un divieto di transito per i mezzi pesanti. Anche in via Carrezzioi sarà rifatta l’illuminazione. Sarà poi realizzato il marciapiede in via Brusaura nel tratto dalle scuole fino a via Ponte”. A Dolo i lavori riguardano molte zone. “In primavera sarà rifatto il marciapiede in via Zinelli, saranno rimesse a nuovo le mura delle carceri che sono dentro al parco pubblico di via Piave, sarà realizzato su sollecitazione del sindaco anche il marciapiede in località Cesare Musatti. Entro fine mese sarà deciso poi il progettista della scuola di via Giotto. Ad Arino sarà costruito il marciapiede in via San Michele dall’altezza di via Chiesa fino a via Torre”. L’assessore si sofferma poi sui quattro grandi progetti previsti. “Entro settembre se non ci saranno intoppi burocratici inizieremo i lavori di ampliamento della Caserma dei Carabinieri, della Barchessa di villa Concina, di piazza Brusaura a Sambruson e di sistemazione di via Cairoli. I lavori della mura cimiteriale di Dolo sono frenati dal patto di stabilità, bisognerà capire se ci permetterà di accendere un altro mutuo. Sulla ciclabile di via Cazzaghetto spero di iniziare i lavori entro l’anno”. Altra questione è lo sfalcio del verde pubblico. “Mi sono impegnato perché entro primavera sia fatto lo sfalcio straordinario nelle aree verdi del comune per permettere ai ragazzi di poter giocare”. Sono cominciati anche i lavori di restauro dell’ultimo piano del Tribunale per un costo di 29 mila euro. I lavori prevedono la sistemazione delle stanze all’ultimo piano che saranno poi utilizzate per creare un nuovo spazio per l’archivio e come uffici per la cancelleria penale e civile. “Questo è un intervento che punta a razionalizzare la sede del Tribunale. Con quest’opera finalmente la sede potrà dirsi completata”. Entro fine anno inizieranno poi i lavori di restauro dell’ex abitazione del custode del Tribunale, costo 45 mila euro, dove saranno creati i nuovi uffici dell’Unione dei Comuni che attualmente si trovano in affitto in via Guolo.

GIACOMO PIRAN

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento