Davide Milani e il popolo dei kitesurfisti

Acrobazie e volteggi tra le onde del mare. Il popolo dei kitesurfisti cresce anche a Sottomarina. Da qualche anno nelle giornate ventose si impossessano del mare i colorati aquiloni che rallegrano la spiaggia nella zona della diga ed offrono un curioso spettacolo sia d’inverno che d’estate purché il tempo lo permetta. Davide Milani, trentacinquenne barista, ha abbracciato questo sport ed ha aperto un blog dedicato a tutti gli amanti del kite di Sottomarina.
Puoi spiegare cos’è il kitesurf per chi non conosce questa disciplina?
“Il kite è uno sport acquatico recente che ha cominciato a farsi conoscere nel 1999 grazie a francesi e hawaani. In sostanza si lavora con una tavola da surf trainata da un aquilone che viene governata grazie ad una barra. Con il kitesurf è possibile planare sul mare trainati dalla forza del vento. E’ uno sport spettacolare ed abbastanza semplice da imparare”.
La spiaggia di Sottomarina in poco tempo è diventata meta privilegiata dei molti praticanti del kite. Perchè?
“Sottomarina è famosa tra gli appassionati per i venti favorevoli. Si esce in mare quando soffia lo scirocco, il levante e soprattutto con la bora. L’intensità e la direzione dei venti nella nostra spiaggia consentono di affrontare nel modo migliore le onde”.
Come si può iniziare a praticare questo sport?
“Per questioni di sicurezza è consigliato fare un corso di almeno tre giorni con un istruttore in cui vengono dati i primi rudimenti per fare le prime planate sull’acqua. La sicurezza è fondamentale. E’ necessario, anche per chi sa gestirsi autonomamente, rispettare le regole in mare stabilite dalla Capitaneria di porto”.
Per avvicinarsi a questo sport, qual è l’età ideale?
“Alcuni muovono i “primi passi” in questa disciplina anche a soli dieci anni, altri lo scoprono più tardi. E’ uno sport poi che possono tranquillamente praticare anche le ragazze poiché il kitesurf richiede tecnica più che forza”.
Che attrezzatura serve?
“Prima di tutto serve il kite, l’ala (l’aquilone da trazione) che ci consente di muoverci in acqua, a cui si aggancia un trapezio, la barra per governare l’aquilone, una tavola ed una muta che consente di uscire anche quando le temperature sono molto rigide. Anche l’attrezzatura ha fatto dei passi da gigante e consente di affrontare condizioni meteorologiche sempre più avverse in assoluta sicurezza. Il trasporto dell’attrezzatura è molto comodo perché il tutto si richiude in due zaini e sta tranquillamente nel bagagliaio di un’auto”.
Dov’è il ritrovo dei kitesurfisti a Sottomarina?
“Qui a Sottomarina si è soliti uscire o nelle spiagge “da Gigetto” oppure ai bagni Splash entrambe verso la diga nord di Sottomarina.
Nelle giornate estive per regolamento è necessario uscire da una corsia posta davanti ai bagni Tropical e bordeggiare oltre le boe.
“Nel periodo invernale il mare e la spiaggia sono tutte a nostra disposizione”.
Dove si possono recuperare informazioni sul kite a Sottomarina?
“Per le news e le previsioni meteo sul mondo del kitesurf nella nostra spiaggia ho realizzato un sito chiamato “sottomarina kite” http://sottomarinakite.wordpress.com/ in cui appunto si controlla la situazione meteo della nostra zona e dell’Italia, per poter andare alla ricerca del vento migliore. Dal sito sono partite varie iniziative e siamo presenti anche su facebook http://www.facebook.com/pages/Kitesurf/45048826563 o su youtube in cui si raccolgono alcuni video tra cui quelli delle uscite giornaliere http://www.youtube.com/airtivi”
di Giovanna Bellemo

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento