Liceo Einstein senza Consiglio d’Istituto

Prima i professori e poi i genitori si sono dimessi dal Consiglio d’Istituto e ora a fare le funzioni dell’organo collegiale dell’Istituto Einstein, deputato a fare le scelte di indirizzo per la scuola, è arrivato un commissario, nominato dal dirigente scolastico regionale Carmela Palumbo. La vicenda si trascina da oltre un anno. All’origine del malumore degli otto docenti che hanno rassegnato le loro dimissioni dall’organo collegiale il 13 marzo dell’anno scorso, ci sarebbe la deroga ad una gita data dal dirigente scolastico Simone Meggiolaro a una classe quinta. La decisione, secondo i professori presa d’imperio dal preside, non avrebbe rispettato il loro ruolo. A mesi di distanza, anche i genitori si sono dimessi perché ormai il Consiglio mancava di una sua componente fondamentale. “Tutto è partito da una gita che il preside ha voluto accordare ad una classe — conferma il dirigente scolastico regionale Carmela Palumbo — che i professori hanno interpretato come una prevaricazione del loro ruolo all’interno del Consiglio. A questo si sono aggiunte nei mesi successivi altre piccole questioni che alla fine hanno portato all’epilogo”. Il preside non commenta la vicenda. Mentre gli insegnanti non confermano che sia stata la gita il motivo del contendere. In compenso hanno stilato un lungo documento in cui esprimono tutto il loro rammarico: “Il Consiglio — dicono – è il “luogo” dove si costruisce la scuola. Quando la comunità scolastica non vi trova più la sua massima espressione istituzionale con la partecipazione di tutte le sue componenti, quando all’interno dell’organo le regole non vengono più rispettate, rimane un contenitore vuoto, un non-luogo di partecipazione. Alle nostre dimissioni hanno portato l’amarezza, la delusione e il senso di impotenza che in molte occasioni abbiamo provato nell’esercitare la nostra funzione di membri del Consiglio, registrando più decisioni prese dal dirigente prima che il Consiglio si esprimesse o addirittura in palese contrasto con la volontà del Consiglio stesso”. A novembre scorso si sono tenute le elezioni suppletive ma nessuna lista di insegnanti è stata presentata. Poco dopo si sono dimessi anche i genitori. Nei giorni scorsi all’Einstein è arrivato il commissario, il dirigente scolastico Francesco Arnau che ha già provveduto ad approvare il bilancio dell’istituto. “Meggiolaro era stato invitato a fare un passo indietro, nonostante avesse portato a sua difesa valutazioni anche apprezzabili, — aggiunge Palumbo — non lo ha fatto dando vita ad un braccio di ferro con gli insegnanti che si è concluso con le loro dimissioni. Con le prossime elezioni di novembre dovrà stabilirsi un clima di fiducia e collaborazione”.

ELENA LIVIERI

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento