Ogni giorno al lavoro a servizio dei più deboli

Era il 1998 quando a Monselice l’Associazione di volontariato Anteas Informanziani (Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà), ha iniziato a collaborare, in convenzione con il Comune di Monselice, nell’assistenza alle persone anziane e disabili. Più di dieci anni di lavoro che hanno permesso lo sviluppo di svariati progetti al servizio di chi ha più bisogno. In primis il progetto “Dorema” che prevede la dotazione all’Anteas di un numero verde 800604747 per l’ascolto delle richieste di aiuto ed è aperto il lunedì e mercoledì dalle 9.00 alle 11.00 — il martedì dalle 15.30 alle 17.30, presso il Progetto Giovani Via Donizetti, al primo piano. Al servizio si alternano 3 volontari ed in loro assenza funziona la segreteria telefonica.
Ma l’attività più importante è il servizio di trasporto delle persone che ne fanno richiesta, verso gli ospedali dell’Asl 17, per visite e cure, oppure verso altre destinazioni per commissioni, alla posta o a fare la spesa. Nelle attività Anteas sono inoltre compresi: il punto salute, ambulatorio per piccole prestazioni sanitarie, dove il lunedì dalle 16.00 alle 18.00, si alternano una donna ed un uomo ex infermieri, per offrire il loro prezioso servizio.
Il punto salute si trova presso il Centro “la Ginestra”, circolo anziani del Comune, in via Tassello 13, dove l’Anteas trova anche lo spazio per i suoi incontri. Nelle attività dell’ associazione bisogna anche ricordare la dedizione di alcune volontarie che svolgono un servizio di compagnia alle persone sole e gli interventi di altri volontari per lavori di piccola manutenzione, riordino e pulizia di spazi esterni alle abitazioni, previa richiesta degli interessati al Comune. L’Anteas è nata in seno al sindacato pensionati CISL, di cui è espressione e portatrice degli stessi valori e ha la sede nei locali del sindacato in Via M. Santarello, 24/4.
In questo luogo i volontari, offrono tutti i giorni, in orario d’ufficio, supporto con uno sportello informativo a quanti ne fanno richiesta e organizzano momenti ricreativi e culturali. L’Anteas è anche dotata di un furgone (Fiat Doblò) per trasporto speciale di persone ottenuto anche grazie alle donazioni di molti sponsor. In questi lunghi anni collaborazione fattiva con il Comune.
“Cerchiamo di distribuire il nostro servizio su più fronti con lo scopo non solo di dare aiuto a chi ce lo chiede, ma anche di prevenire i disagi da solitudine e isolamento — spiega il presidente Tiziano Zanetti – Da quel 1998 sono passati dieci anni e il bilancio ci sembra senz’altro positivo. Larga parte di questo cammino l’abbiamo fatto con la dirigente dei Servizi alla persona, Barbara Biagini, l’ assistente sociale Tiziana Trevisan e la referente Michela Tezzon, con la quale siamo quotidianamente in contatto e che ci è sempre di grandissimo aiuto. Grazie a questa collaborazione, abbiamo superato molte diffidenze, abbiamo aumentato i volontari, allargato le zone di intervento e potenziato il servizio”.

EMANUELE MASIERO

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento