E’ Sabrina Rampin il candidato sindaco per il Centrodestra

Sabrina Rampin, trentottenne insegnate di scuola primaria – da dieci anni impegnata in amministrazione comunale e attualmente vicesindaco a fianco dell’uscente Olindo Bertipaglia — è la candidata alla poltrona di primo cittadino emersa dalle primarie indette dalla lista civica “Bertipaglia” legata al centrodestra.
Con 370 preferenze su 664 votanti totali, la Rampin si è aggiudicata il consenso dei polveraresi accorsi al voto. Tocca a lei raccogliere il testimone e dare continuità alla lista. “Ringrazio i cittadini di Polverara che hanno partecipato numerosi alle primarie — ha dichiarato -. Ringrazio anche Marta Melina e Andrea Zagolin, che non ho mai visto come “sfidanti”, ma come compagni di squadra, amici, colleghi. Abbiamo condiviso esperienze e progetti”.
201 i voti raccolti invece dall’assessore alle Politiche della famiglia e Pari opportunità Marta Melina che, arrivata seconda, ha preferito dapprima farsi da parte, fino a maturare la drastica decisione di dimettersi dalla giunta. “Mi tolgo dalla lista — ha detto -, ringrazio di cuore tutti i polveraresi che così numerosi mi hanno votato, manifestandomi la loro fiducia ed affetto, ma sono convinta che lo stesso motivo per cui hanno deciso di votarmi permetterà loro di comprendere la mia decisione di non continuare il mio percorso politico con la lista Bertipaglia. Non mi ritrovo e non condivido più il modo di operare di questa amministrazione e per questo ho deciso per le dimissioni”. La maggioranza consiliare di centrodestra a Polverara ha così perso un altro pezzo, l’ago della bilancia che le garantiva la superiorità numerica. Prima di Melina, l’hanno preceduta nei mesi scorsi l’assessore all’Urbanistica Alessandro Tono e il consigliere Paolo Donola.
53, infine, i voti incassati dal terzo candidato alle primarie del centrodestra, il ventiseienne Andrea Zagolin, a sua volta assessore uscente allo Sport e alle Politiche giovanili.
Tra i 20 nomi in lizza, sempre alle primarie, alla carica di consigliere che andranno a comporre la lista finale coi 12 candidati, si è distinto il nome di Bertipaglia, che con 512 voti si è aggiudicato il titolo di capolista e che si è già offerto come possibile vice-sindaco. A seguire, nella rosa dei candidati consiglieri: Luciano Biancato (253 voti), Diego Favarato (253), Giovanni Colucci (199), Alice Salmistraro (155), Chiara Bozzolan (138), Sonia Falasco (127), Michele Masiero (125), Valentina Voltan (112), Simone Coccato (102), Andrea Giraldin (85) e Francesca Degani (74).
“La partecipazione alle primarie è andata oltre ogni più rosea aspettativa – ha commentato Bertipaglia -. Tanti polveraresi hanno dimostrato stima e fiducia verso il gruppo, compresi i nuovi residenti. Un ringraziamento ai 21 volontari scrutatori”.
“Se il sindaco avesse dignità politica — ha commentato invece il capogruppo dell’opposizione, Federico Colesei — si dovrebbe dimettere”. Con l’uscita di Melina sono solo 6 i voti su cui ora può contare l’attuale “maggioranza”, contro i 7 del composito fronte dell’opposizione “originaria” (4), a cui si sono aggiunti i 3 recenti “dissidenti”. “Rimango a lavorare e servire i cittadini di Polverara”, ha risposto il sindaco.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento