Immigrati, pochi in case di proprietà

Sono 11600 gli stranieri presenti nel comprensorio. Lo rivela una ricerca di Coses. Al 31 dicembre 2008, infatti, sono 76400 gli immigrati nella provincia di Venezia, ovvero il 9% della popolazione. Nella maggior parte dei casi vivono nell’area veneziana (29000), poi Dolo e San Donà (oltre 12000), Miranese appunto (11600). Ultima Chioggia con 3000 immigrati. Sono tre le componenti che formano la popolazione immigrata presente: i regolari iscritti alle anagrafi (che sono il 63% del totale), i regolarmente presenti ma non iscritti in anagrafe e gli irregolari, che pesano rispettivamente per il 18% e 19%. La stima delle persone prive di un regolare permesso di soggiorno va da un minimo di 10.400 a un massimo di 18.200 unità. Il tasso di irregolarità assume i valori più bassi nel sandonatese (intorno al 10%) e portogruarese (13,6%), valori in linea con la media provinciale nel veneziano (18,4%) e valori più elevati nell’area di Mirano (26,9%), Dolo (23,0%) e Chioggia (22,8%). Il 10,5 % degli immigrati nella provincia abita in una casa di proprietà. Si tratta di una quota più bassa di quella che si registra in Lombardia e nella provincia di Biella, dove i valori sono attorno al 22-23%, ma in linea con la provincia di Cuneo (10,7%). Per l’indagine, questa differenza dipende dalla presenza più recente dell’immigrazione. Gli stranieri dell’America Latina, così come gli asiatici, acquistano casa molto più degli immigrati provenienti dall’Africa e dall’Est Europa. I primi abitano in case di proprietà nel 33,3% dei casi e i secondi nel 20,4%, contro l’8,9% dei nordafricani, l’8,3% dei provenienti dal resto dell’Africa e solo il 5,2% dall’Est Europa. Vivono in abitazioni di proprietà più del 20% dei cinesi e dei bangladesi presenti. Gli africani vivono per lo più in affitto mentre la più alta percentuale di immigrati senza dimora stabile riguarda gli europei dell’Est (5,7%).

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento