Querelle sulla materna parrocchiale

Continua a tenere banco la questione della scuola di Calcroci. La “Maria Bambina”, scuola materna parrocchiale della frazione di Camponogara, è al centro di molte polemiche. Da una parte il parroco don Giovanni Piovan, dall’altra i genitori dei bambini che la frequentano. Che continuano a protestare contro la chiusura della scuola e perché vogliono che il prete venga trasferito. Il comitato “I cittadini di Calcroci” ha già preparato dei volantini per mobilitare tutti i genitori degli alunni. Sono pronti a incatenarsi davanti alla Curia di Padova, se il vescovo Antonio Mattiazzo non li riceverà. Intanto hanno già inviato una lettera al sindaco di Camponogara Desiderio Fogarin e alla federazione italiana scuole materne. Non vogliono che la scuola chiuda dopo che per 45 anni è stata aperta. Il parroco vuole invece chiudere la scuola a causa del numero basso di iscrizioni per l’anno scolastico che verrà. Molti hanno preferito non iscrivere i loro bimbi a causa di tutte le polemiche che ci sono da mesi sulla materna e sul prete. I genitori sostengono che sia stato don Gianni a fare scoraggiare i genitori ad iscrivere i loro figli, per dedicarsi così al movimento neocataecumenale. Per il momento il parroco di Prozzolo don Tiziano Capellari ha dato la sua disponibilità. Le famiglie che vorranno trasferire i propri figli all’asilo di Prozzolo, potranno farlo. Ma la questione non avrà un finale così immediato. Il comitato promette che darà battaglia perché la scuola rimanga aperta.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Querelle sulla materna parrocchiale

Continua a tenere banco la questione della scuola di Calcroci. La “Maria Bambina”, scuola materna parrocchiale della frazione di Camponogara, è al centro di molte polemiche. Da una parte il parroco don Giovanni Piovan, dall’altra i genitori dei bambini che la frequentano. Che continuano a protestare contro la chiusura della scuola e perché vogliono che il prete venga trasferito. Il comitato “I cittadini di Calcroci” ha già preparato dei volantini per mobilitare tutti i genitori degli alunni. Sono pronti a incatenarsi davanti alla Curia di Padova, se il vescovo Antonio Mattiazzo non li riceverà. Intanto hanno già inviato una lettera al sindaco di Camponogara Desiderio Fogarin e alla federazione italiana scuole materne. Non vogliono che la scuola chiuda dopo che per 45 anni è stata aperta. Il parroco vuole invece chiudere la scuola a causa del numero basso di iscrizioni per l’anno scolastico che verrà. Molti hanno preferito non iscrivere i loro bimbi a causa di tutte le polemiche che ci sono da mesi sulla materna e sul prete. I genitori sostengono che sia stato don Gianni a fare scoraggiare i genitori ad iscrivere i loro figli, per dedicarsi così al movimento neocataecumenale. Per il momento il parroco di Prozzolo don Tiziano Capellari ha dato la sua disponibilità. Le famiglie che vorranno trasferire i propri figli all’asilo di Prozzolo, potranno farlo. Ma la questione non avrà un finale così immediato. Il comitato promette che darà battaglia perché la scuola rimanga aperta.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Querelle sulla materna parrocchiale

Continua a tenere banco la questione della scuola di Calcroci. La “Maria Bambina”, scuola materna parrocchiale della frazione di Camponogara, è al centro di molte polemiche. Da una parte il parroco don Giovanni Piovan, dall’altra i genitori dei bambini che la frequentano. Che continuano a protestare contro la chiusura della scuola e perché vogliono che il prete venga trasferito. Il comitato “I cittadini di Calcroci” ha già preparato dei volantini per mobilitare tutti i genitori degli alunni. Sono pronti a incatenarsi davanti alla Curia di Padova, se il vescovo Antonio Mattiazzo non li riceverà. Intanto hanno già inviato una lettera al sindaco di Camponogara Desiderio Fogarin e alla federazione italiana scuole materne. Non vogliono che la scuola chiuda dopo che per 45 anni è stata aperta. Il parroco vuole invece chiudere la scuola a causa del numero basso di iscrizioni per l’anno scolastico che verrà. Molti hanno preferito non iscrivere i loro bimbi a causa di tutte le polemiche che ci sono da mesi sulla materna e sul prete. I genitori sostengono che sia stato don Gianni a fare scoraggiare i genitori ad iscrivere i loro figli, per dedicarsi così al movimento neocataecumenale. Per il momento il parroco di Prozzolo don Tiziano Capellari ha dato la sua disponibilità. Le famiglie che vorranno trasferire i propri figli all’asilo di Prozzolo, potranno farlo. Ma la questione non avrà un finale così immediato. Il comitato promette che darà battaglia perché la scuola rimanga aperta.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Querelle sulla materna parrocchiale

Continua a tenere banco la questione della scuola di Calcroci. La “Maria Bambina”, scuola materna parrocchiale della frazione di Camponogara, è al centro di molte polemiche. Da una parte il parroco don Giovanni Piovan, dall’altra i genitori dei bambini che la frequentano. Che continuano a protestare contro la chiusura della scuola e perché vogliono che il prete venga trasferito. Il comitato “I cittadini di Calcroci” ha già preparato dei volantini per mobilitare tutti i genitori degli alunni. Sono pronti a incatenarsi davanti alla Curia di Padova, se il vescovo Antonio Mattiazzo non li riceverà. Intanto hanno già inviato una lettera al sindaco di Camponogara Desiderio Fogarin e alla federazione italiana scuole materne. Non vogliono che la scuola chiuda dopo che per 45 anni è stata aperta. Il parroco vuole invece chiudere la scuola a causa del numero basso di iscrizioni per l’anno scolastico che verrà. Molti hanno preferito non iscrivere i loro bimbi a causa di tutte le polemiche che ci sono da mesi sulla materna e sul prete. I genitori sostengono che sia stato don Gianni a fare scoraggiare i genitori ad iscrivere i loro figli, per dedicarsi così al movimento neocataecumenale. Per il momento il parroco di Prozzolo don Tiziano Capellari ha dato la sua disponibilità. Le famiglie che vorranno trasferire i propri figli all’asilo di Prozzolo, potranno farlo. Ma la questione non avrà un finale così immediato. Il comitato promette che darà battaglia perché la scuola rimanga aperta.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Querelle sulla materna parrocchiale

Continua a tenere banco la questione della scuola di Calcroci. La “Maria Bambina”, scuola materna parrocchiale della frazione di Camponogara, è al centro di molte polemiche. Da una parte il parroco don Giovanni Piovan, dall’altra i genitori dei bambini che la frequentano. Che continuano a protestare contro la chiusura della scuola e perché vogliono che il prete venga trasferito. Il comitato “I cittadini di Calcroci” ha già preparato dei volantini per mobilitare tutti i genitori degli alunni. Sono pronti a incatenarsi davanti alla Curia di Padova, se il vescovo Antonio Mattiazzo non li riceverà. Intanto hanno già inviato una lettera al sindaco di Camponogara Desiderio Fogarin e alla federazione italiana scuole materne. Non vogliono che la scuola chiuda dopo che per 45 anni è stata aperta. Il parroco vuole invece chiudere la scuola a causa del numero basso di iscrizioni per l’anno scolastico che verrà. Molti hanno preferito non iscrivere i loro bimbi a causa di tutte le polemiche che ci sono da mesi sulla materna e sul prete. I genitori sostengono che sia stato don Gianni a fare scoraggiare i genitori ad iscrivere i loro figli, per dedicarsi così al movimento neocataecumenale. Per il momento il parroco di Prozzolo don Tiziano Capellari ha dato la sua disponibilità. Le famiglie che vorranno trasferire i propri figli all’asilo di Prozzolo, potranno farlo. Ma la questione non avrà un finale così immediato. Il comitato promette che darà battaglia perché la scuola rimanga aperta.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento