Servizi. Nuova scuola a Sandon

La scuola elementare “A. Volta” di Sandon avrà presto una sede tutta nuova. Il comune sta valutando l’opportunità di fornire una risposta adeguata alle crescenti richieste didattiche delle famiglie, pensando alla creazione di una scuola più grande, più moderna, dotata di una palestra a norma, di una mensa più ampia e di spazi verdi. La soluzione potrebbe giungere dalla riconversione degli spazi adiacenti a Villa Caffrè, un immobile che dispone di un parco di 3mila metri quadri acquistato poco tempo fa dal Comune. Accanto alla villa sorge infatti una struttura di recente costruzione con tetto in legno lamellare, attualmente adibita a magazzino commerciale, ma che con opportuni interventi di ristrutturazione potrebbe diventare la nuova scuola elementare di Sandon. L’istituto sarebbe così collocato a soli 300 metri da quello attuale, in zona tranquilla, con un ampio spazio all’aperto. L’accordo sottoscritto, che prevede la cessione di questo immobile in cambio di volumetria, non ne vincola tuttavia la destinazione d’uso, lasciando aperte in sostanza tutte le opzioni per avere una scuola più spaziosa. La novità è stata comunicata dall’Amministrazione ai genitori degli alunni della elementare “A. Volta” nel corso di un incontro, a cui faranno probabilmente seguito altre riunioni di aggiornamento sulle tappe del progetto. “Negli ultimi due anni abbiamo investito 106mila euro per lavori di adeguamento e sistemazione della scuola elementare Volta di Sandon, rendendoci però conto da subito che sarebbe stata solo una soluzione tampone. Una soluzione che rimedia solo in parte alla crescenti esigenze didattiche di Fossò — spiega il sindaco Giudo Carraro —. Classi di 15 alunni, infatti, sono diventate oggi classi anche di 23-25 ragazzi e si prospetta a settembre l’apertura di due nuove sezioni di prima elementare. Per questo un’Amministrazione che si consideri responsabile deve delineare una soluzione infrastrutturale adeguata e sostenibile dal punto di vista finanziario. Mantenere la situazione attuale, senza preoccuparsi dei cambiamenti in atto, né di garantire all’offerta didattica un futuro adeguato, sarebbe un atto di irresponsabilità nei confronti delle famiglie, dei bambini e del corpo docente. Ecco perché cercheremo di dare vita nel miglior modo possibile al progetto della nuova scuola elementare di Sandon”. Nei piani del comune , il trasferimento della scuola rientra nel progetto di riordino e riqualificazione del centro di Fossò; un piano che prevede, tra i vari investimenti, il recupero della Fornace Saggiori, la sistemazione di piazza San Bartolomeo, con la valorizzazione prospettica della Chiesa, per la creazione nel tempo di una città più vivibile.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento