Sua maestà virtuale: garbato, galante e di classe… che piace tanto ai giovani

Lo stile del Re del ciuffo spopola tra i giovani di tutta Italia. Il logo lanciato pochi mesi fa da alcuni studenti universitari della città rappresenta la carta del re di fiori con un enorme ciuffo arruffato.
Oggi i giovani impazziscono per quel ciuffo: merito di Facebook, il più cliccato sito di social network, che ha permesso la rapida diffusione del logo, ma merito anche degli ideatori, per lo più studenti di design all’università di Venezia, che hanno pensato ad una maniera brillante e divertente di proporlo. Al Re del ciuffo infatti è stata dedicato un account web in Facebook affidandogli una personalità virtuale, mentre il vero ideatore ha scelto di tenere nascosta la sua identità. In questo modo chi si mette in contatto con il Re del ciuffo non dovrà tralasciare l’etichetta in quanto si sta rivolgendo ad un vero e proprio sire, ed allo stesso tempo sentirà rispondersi in maniera garbata e raffinata, con la galanteria tipica di una persona di classe. L’alone di mistero dietro questa immagine accattivante non ha fatto altro che attirare a sé l’attenzione di molti giovani che ormai da tutta Italia chiedono magliette, gadget e adesivi o semplicemente chiedono di poter diventare “giullari di corte”. L’idea del Re del ciuffo non è partita come desiderio di lanciare un brand o una marca quanto invece di far divertire i giovani creando un vero e proprio fenomeno artistico: per questo in alcuni grandi eventi, gli ultimi presso la Fucina Controvento di Marghera, vengono organizzate feste dove l’ospite d’eccezione è proprio il Re del ciuffo, mentre durante i concerti live si proiettano a ripetizione alcune sue immagini. Le città invece si stanno velocemente riempiendo di piccoli adesivi che raffigurano il logo. Per ora un successo ancora di modeste dimensioni ma che ha regalato agli ideatori qualche bella soddisfazione: nella puntata di Community del 9 marzo scorso in onda su All music, canale tematico a target giovanile, il conduttore Nicolò Torielli indossava proprio la maglia del Re del ciuffo.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento