Viabilità . Meno traffico su Borbiago

La bretella serve anche se provoca disagi. A spiegarlo sono i dati rilevati nelle scorse settimane dalla polizia municipale di Mira. La bretella in questione è quella che collega la brentana
Ecco i dati rilevati dai vigili : sono circa 6500 i mezzi in transito lungo via Giovanni XXIII ( la strada principale di Borbiago) , nell’arco di 10 ore, tra le 8 e le 18 di una normale giornata di lavoro, 300 dei quali autocarri, equamente divisi nei due sensi di marcia. Il dato , spiega il comune in una nota che, anche se preso in considerazione nei suoi valori assoluti, conferma quanto registrato empiricamente dai residenti, e cioè la diminuzione del traffico di attraversamento del centro di Borbiago dopo l’apertura del sottopasso di via Monte Sommo, che collega direttamente la SP29 con la SR11. A spiegare la riduzione del traffico secondo il comune è il confronto con una rilevazione fatta qualche settimana . Indagine, avevano portato a calcolare una media di un passaggio veicolare ogni 8 secondi, un camion ogni 2 minuti e 20 secondi. Dall’analisi dei dati raccolti il 24 marzo c’è la conferma delle impressioni dei residenti: le auto sono diminuite di almeno il 30 per cento, portate a percorrere la nuova bretella per raggiungere qualsiasi destinazione piuttosto che imboccare la stretta e tortuosa via Boldani o proseguire fino a Marano lungo via Caltana. Nel dettaglio: i passaggi sono diminuiti fissando la statistica ad una media di un’auto ogni 12 secondi, un autocarro ogni 3 minuti. Resta preoccupante invece la presenza di auto e camion che in uscita dall’autostrada al casello di Vetrego arrivano a Marano, attestando la necessità di arrivare quanto prima alla riapertura di via Miranese, consentendo il transito del sottopasso realizzato come opera complementare al Passante di Mestre. Fra le preoccupazioni dei residenti c’è anche quella collegata alla non riapertura di via Malpaga per colpa dei lavori del Passante . La richiesta di fine lavori arriva dal consigliere provinciale del Pd Guerrino Palmarini che ha inviato per questo un sollecito alla Regione.

A.A

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Viabilità . Meno traffico su Borbiago

La bretella serve anche se provoca disagi. A spiegarlo sono i dati rilevati nelle scorse settimane dalla polizia municipale di Mira. La bretella in questione è quella che collega la brentana
Ecco i dati rilevati dai vigili : sono circa 6500 i mezzi in transito lungo via Giovanni XXIII ( la strada principale di Borbiago) , nell’arco di 10 ore, tra le 8 e le 18 di una normale giornata di lavoro, 300 dei quali autocarri, equamente divisi nei due sensi di marcia. Il dato , spiega il comune in una nota che, anche se preso in considerazione nei suoi valori assoluti, conferma quanto registrato empiricamente dai residenti, e cioè la diminuzione del traffico di attraversamento del centro di Borbiago dopo l’apertura del sottopasso di via Monte Sommo, che collega direttamente la SP29 con la SR11. A spiegare la riduzione del traffico secondo il comune è il confronto con una rilevazione fatta qualche settimana . Indagine, avevano portato a calcolare una media di un passaggio veicolare ogni 8 secondi, un camion ogni 2 minuti e 20 secondi. Dall’analisi dei dati raccolti il 24 marzo c’è la conferma delle impressioni dei residenti: le auto sono diminuite di almeno il 30 per cento, portate a percorrere la nuova bretella per raggiungere qualsiasi destinazione piuttosto che imboccare la stretta e tortuosa via Boldani o proseguire fino a Marano lungo via Caltana. Nel dettaglio: i passaggi sono diminuiti fissando la statistica ad una media di un’auto ogni 12 secondi, un autocarro ogni 3 minuti. Resta preoccupante invece la presenza di auto e camion che in uscita dall’autostrada al casello di Vetrego arrivano a Marano, attestando la necessità di arrivare quanto prima alla riapertura di via Miranese, consentendo il transito del sottopasso realizzato come opera complementare al Passante di Mestre. Fra le preoccupazioni dei residenti c’è anche quella collegata alla non riapertura di via Malpaga per colpa dei lavori del Passante . La richiesta di fine lavori arriva dal consigliere provinciale del Pd Guerrino Palmarini che ha inviato per questo un sollecito alla Regione.

A.A

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Viabilità . Meno traffico su Borbiago

La bretella serve anche se provoca disagi. A spiegarlo sono i dati rilevati nelle scorse settimane dalla polizia municipale di Mira. La bretella in questione è quella che collega la brentana
Ecco i dati rilevati dai vigili : sono circa 6500 i mezzi in transito lungo via Giovanni XXIII ( la strada principale di Borbiago) , nell’arco di 10 ore, tra le 8 e le 18 di una normale giornata di lavoro, 300 dei quali autocarri, equamente divisi nei due sensi di marcia. Il dato , spiega il comune in una nota che, anche se preso in considerazione nei suoi valori assoluti, conferma quanto registrato empiricamente dai residenti, e cioè la diminuzione del traffico di attraversamento del centro di Borbiago dopo l’apertura del sottopasso di via Monte Sommo, che collega direttamente la SP29 con la SR11. A spiegare la riduzione del traffico secondo il comune è il confronto con una rilevazione fatta qualche settimana . Indagine, avevano portato a calcolare una media di un passaggio veicolare ogni 8 secondi, un camion ogni 2 minuti e 20 secondi. Dall’analisi dei dati raccolti il 24 marzo c’è la conferma delle impressioni dei residenti: le auto sono diminuite di almeno il 30 per cento, portate a percorrere la nuova bretella per raggiungere qualsiasi destinazione piuttosto che imboccare la stretta e tortuosa via Boldani o proseguire fino a Marano lungo via Caltana. Nel dettaglio: i passaggi sono diminuiti fissando la statistica ad una media di un’auto ogni 12 secondi, un autocarro ogni 3 minuti. Resta preoccupante invece la presenza di auto e camion che in uscita dall’autostrada al casello di Vetrego arrivano a Marano, attestando la necessità di arrivare quanto prima alla riapertura di via Miranese, consentendo il transito del sottopasso realizzato come opera complementare al Passante di Mestre. Fra le preoccupazioni dei residenti c’è anche quella collegata alla non riapertura di via Malpaga per colpa dei lavori del Passante . La richiesta di fine lavori arriva dal consigliere provinciale del Pd Guerrino Palmarini che ha inviato per questo un sollecito alla Regione.

A.A

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Viabilità . Meno traffico su Borbiago

La bretella serve anche se provoca disagi. A spiegarlo sono i dati rilevati nelle scorse settimane dalla polizia municipale di Mira. La bretella in questione è quella che collega la brentana
Ecco i dati rilevati dai vigili : sono circa 6500 i mezzi in transito lungo via Giovanni XXIII ( la strada principale di Borbiago) , nell’arco di 10 ore, tra le 8 e le 18 di una normale giornata di lavoro, 300 dei quali autocarri, equamente divisi nei due sensi di marcia. Il dato , spiega il comune in una nota che, anche se preso in considerazione nei suoi valori assoluti, conferma quanto registrato empiricamente dai residenti, e cioè la diminuzione del traffico di attraversamento del centro di Borbiago dopo l’apertura del sottopasso di via Monte Sommo, che collega direttamente la SP29 con la SR11. A spiegare la riduzione del traffico secondo il comune è il confronto con una rilevazione fatta qualche settimana . Indagine, avevano portato a calcolare una media di un passaggio veicolare ogni 8 secondi, un camion ogni 2 minuti e 20 secondi. Dall’analisi dei dati raccolti il 24 marzo c’è la conferma delle impressioni dei residenti: le auto sono diminuite di almeno il 30 per cento, portate a percorrere la nuova bretella per raggiungere qualsiasi destinazione piuttosto che imboccare la stretta e tortuosa via Boldani o proseguire fino a Marano lungo via Caltana. Nel dettaglio: i passaggi sono diminuiti fissando la statistica ad una media di un’auto ogni 12 secondi, un autocarro ogni 3 minuti. Resta preoccupante invece la presenza di auto e camion che in uscita dall’autostrada al casello di Vetrego arrivano a Marano, attestando la necessità di arrivare quanto prima alla riapertura di via Miranese, consentendo il transito del sottopasso realizzato come opera complementare al Passante di Mestre. Fra le preoccupazioni dei residenti c’è anche quella collegata alla non riapertura di via Malpaga per colpa dei lavori del Passante . La richiesta di fine lavori arriva dal consigliere provinciale del Pd Guerrino Palmarini che ha inviato per questo un sollecito alla Regione.

A.A

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento