Viale Trieste riapre al traffico

E’ terminato il primo stralcio di lavori in viale Trieste. Il lotto che va da viale Adige a viale Piemonte è stato riaperto al traffico. Il passaggio successivo sarà l’apertura, dopo il primo maggio, della parte terminale del cantiere, da viale Piemonte a viale Isonzo, che verrà liberata e sistemata con un intervento tampone, per renderla praticabile e permettere il passaggio dei pedoni e delle auto per la stagione estiva. I lavori per il rifacimento definitivo dell’ultimo tratto della strada riprenderanno poi a settembre, come prevede l’accordo tra amministrazione e categorie economiche. Il progetto di sistemazione di viale Trieste rientra nell’ambito degli interventi di riqualificazione urbana di Sottomarina, per recuperare lo spazio pubblico riordinando la mobilità del traffico su gomma e il sistema di sosta dei veicoli. Il progetto prevede il restringimento della carreggiata per l’inserimento di parcheggi a pettine, alternati alle aiuole e alle isole ecologiche. Questo comporterà naturalmente un senso di marcia unico, in direzione sud-nord.
Il rifacimento della strada implica anche la creazione di percorsi protetti per i pedoni e un ripensamento del verde pubblico, che ha visto, in prima battuta, il sacrificio di quello preesistente. Le alberature decennali che sono state tagliate dovrebbero ora essere sostituite con nuove piantumazioni, che purtroppo solo tra diverso tempo garantiranno l’ombra di quelle rimosse.
Il marciapiede orientale è stato in parte sostituito da un percorso pedonale che attraversa in senso longitudinale la fascia verde con un andamento irregolare e sinuoso con aree di sosta con panchine. I blocchetti di porfido della strada esistente saranno riutilizzati per la pavimentazione dei marciapiedi e degli spazi di parcheggio, mentre lastre irregolari in porfido (opus incertum) caratterizzeranno il percorso pedonale a est e lastre squadrate in cls caratterizzeranno il percorso dei non vedenti sul marciapiede ovest.
Il percorso pedonale lungo la fascia alberata sarà illuminato, oltre che dai lampioni esistenti recuperati, da elementi di illuminazione a terra. Sul marciapiede occidentale saranno invece collocati dei nuovi lampioni per illuminare la sede stradale. Per quanto riguarda invece i sottoservizi, è stato rinnovato l’impianto fognario. Il costo complessivo dell’intervento è calcolato in un milione e centomila euro.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento