Aria e acqua studiati da piccoli scienziati

Piccoli scienziati crescono. E’ stato un vero e proprio esercito di naturalisti in erba quello che da inizio anno ha invaso la città di Este, per partecipare al progetto didattico “Biomonitoraggio Aria e Fiumi”, voluto dall’assessorato all’Ambiente e proposto a sei scuole cittadine. Sono stati 300 gli allievi coinvolti dall’iniziativa scolastica, provenienti da 14 classi della scuola elementare Sartori Borotto, delle medie Carducci e Zanchi, dell’Atestino, dell’Itis Euganeo, del Duca d’Aosta e del liceo scientifico G.B. Ferrari.
I piccoli analisti ambientali, coordinati dallo studio Hyla Formazione Scientifica (con sede a Cinto Euganeo e diretto da Costanza Sartori), si sono posti l’obiettivo di valutare la salubrità di aria ed acqua di alcune zone della città di Este. Per questo hanno preso in considerazione i giardini pubblici, il quartiere Salute e quello di Meggiaro, ma anche il fiume Frassine, il Bacchiglione e il Calto della Casara.
Una volta sul posto, gli studenti hanno analizzato gli ambienti attraverso il metodo del biomonitoraggio: in poche parole sono state messe sotto la lente d’ingrandimento le comunità di insetti, molluschi e vermi (in gergo, macroinvertebrati bentonici) e di licheni epifiti che popolano le aree prese in osservazione. La biodiversità dei microrganismi ha fornito dunque lo stato di salute dei vari ambienti.
Ne è emerso un dato certamente poco prevedibile: la maglia nera per quanto riguarda la purezza dell’aria è infatti andata ai giardini del castello, che si sono guadagnati un deludente “bollino giallo” vista la qualità dell’atmosfera molto bassa.
E’ andata meglio alla Salute (“bollino arancio” con aria mediocre), e ancor più a Meggiaro, vera oasi cittadina. Per quanto riguarda i corsi d’acqua è stato promosso solo il Frassine, mentre sono stati rimandati il Bacchiglione e il Calto della Casara. Grande plauso all’iniziativa è arrivato dal sindaco Giancarlo Piva e dall’assessore Beatrice Andreose, che hanno ringraziato gli studenti per la chiara “fotografia” scattata alla salubrità della città. Un’analisi, questa, che influenzerà anche le linee di intervento della stessa amministrazione. Le valutazioni degli studenti non fanno che confermare la necesstià di tenere sotto stretto controllo la qualità dell’aria e lo stato ambientale della città perché ne va della salute collettiva.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento