Molti i bocciati ma non per la condotta

Gioie e dolori anche quest’anno per l’esercito di studenti che frequenta gli istituti superiori piovesi. Sono stati esposti negli atri delle scuole i risultati di fine anno: come di consueto il record di bocciati è appannaggio delle prime classi, con punte record fra geometri, ragionieri e periti elettronici. Nella media i bocciati in seconda, terza e quarta. Nessuno studente è stato bocciato con il 5 in condotta. Fra le prime a registrare il numero più alto di non ammessi è l’istituto per geometri De Nicola, dove dovranno ripetere l’anno 24 ragazzi su 69, pari al 34 per cento. All’Itis Cardano sono 16 su 57 gli studenti che non ce l’hanno fatta a passare in seconda, il 28 per cento. Ultima maglia nera per il corso di ragioneria dove a ripetere la prima saranno 18 ragazzi su 65, pari al 27 per cento. Buoni i risultati conseguiti al liceo scientifico, dove su 77 ragazzi solo 4 non hanno passato l’anno.
In totale nelle prime sono stati bocciati 79 studenti su 378, il 20,8 per cento. Percentuale praticamente dimezzata in seconda dove sui complessivi 403 studenti ne sono stati bocciati 42, pari al 10,4 per cento. E anche in questo caso il trend peggiore si registra fra i geometri, 9 su 49 pari al 18 per cento e fra i ragionieri, 13 su 73 pari al 17 per cento. Nelle terze i ragazzi che non sono stati ammessi alla classe successiva sono 39 su 384, una media del 10 per cento. Infine fra gli studenti di quarta solo 13 su 349 non accedono alla quinta, una percentuale di appena il 3,7 per cento. Sono nove le classi in cui non c’è stato nemmeno un bocciato: le seconde dell’indirizzo informatico del liceo, linguistico e scienze sociali, la terza linguistico e le quarte informatico, linguistico, scienze sociali, turistico e ragioneria.
Oltre ai dolori di chi dovrà ripetere l’anno, ci sono quelli di chi è stato rimandato in una o più materie e dovrà superare l’esame a settembre: in prima gli studenti con il giudizio sospeso sono 98, in seconda sono 139, in terza 159 e in quarta 119. Si prospetta quindi un’estate sui libri per oltre 500 ragazzi.
Intanto c’è chi non ha ancora potuto staccarsi dai libri di scuola: si tratta dei 282 studenti che proprio oggi iniziano l’esame di maturità con la prova scritta di italiano: 112 ragazzi del De Nicola, 58 dell’Itis Cardano e 112 del liceo Einstein. Non ammessi all’esame soltanto venti studenti, 13 del De Nicola, 6 del Cardano e appena uno dell’Einstein.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento