Un torneo per il restauro del patronato

La squadra del Comune di Mirano si è aggiudicata il “Triangolare della solidarietà” disputato nelle scorse settimane allo stadio comunale di via Matteotti. La rappresentativa formata da amministratori, consiglieri e dipendenti comunali ha battuto la Mirano’s Angels, formata da una rappresentanza dei gruppi parrocchiali di Mirano e l’ordine degli Ingegneri della Provincia di Venezia, in un clima amichevole e ricco di agonismo. Benefico lo scopo dell’iniziativa: raccogliere fondi per il restauro del Patronato San Pio X, la casa dei giovani di Mirano, che prosegue ormai dallo scorso autunno. In campo la rappresentativa comunale ha suscitato simpatia e applausi, con assessori e consiglieri nell’insolita veste di calciatori, con calzoni corti e maglietta. Il calcio d’inizio è stato dato dal sindaco Roberto Cappelletto, che poi ha lasciato il testimone al figlio Matteo, nella prima partita tra amministrazione comunale e Mirano’s Angels.
Mister d’eccezione Romano Righetto, vigile urbano da pochi mesi in pensione. Proseguono così grazie anche a queste simpatiche iniziative di beneficienza i lavori di restauro del Patronato iniziati ad ottobre. Per completarli serviranno dai 12 ai 18 mesi, per un costo complessivo di circa 1.100.000 euro. Una cifra importante, cui la parrocchia di Mirano, titolare dell’immobile, prevede di far fronte con un piano finanziario diviso in tre parti: un contributo in conto capitale già concesso dalla Conferenza Episcopale Italiana per 300 mila euro, un finanziamento a medio termine presso il sistema bancario per 500 mila euro e i rimanenti 300 mila euro lasciati alla generosità di enti, aziende e soprattutto parrocchiani. Tre i modi con i quali è ancora possibile contribuire: aderendo alle proposte messe in campo da associazioni e gruppi che operano nel Patronato, aderendo all’operazione “Mattone 2” consistente nell’offerta di 50 euro per l’acquisto simbolico di ogni singolo mattone del Patronato o dando disponibilità per la concessione di piccoli prestiti personali. Quest’estate il Patronato in restauro aprirà i battenti in via eccezionale per il tradizionale Grest.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

Un torneo per il restauro del patronato

La squadra del Comune di Mirano si è aggiudicata il “Triangolare della solidarietà” disputato nelle scorse settimane allo stadio comunale di via Matteotti. La rappresentativa formata da amministratori, consiglieri e dipendenti comunali ha battuto la Mirano’s Angels, formata da una rappresentanza dei gruppi parrocchiali di Mirano e l’ordine degli Ingegneri della Provincia di Venezia, in un clima amichevole e ricco di agonismo. Benefico lo scopo dell’iniziativa: raccogliere fondi per il restauro del Patronato San Pio X, la casa dei giovani di Mirano, che prosegue ormai dallo scorso autunno. In campo la rappresentativa comunale ha suscitato simpatia e applausi, con assessori e consiglieri nell’insolita veste di calciatori, con calzoni corti e maglietta. Il calcio d’inizio è stato dato dal sindaco Roberto Cappelletto, che poi ha lasciato il testimone al figlio Matteo, nella prima partita tra amministrazione comunale e Mirano’s Angels.
Mister d’eccezione Romano Righetto, vigile urbano da pochi mesi in pensione. Proseguono così grazie anche a queste simpatiche iniziative di beneficienza i lavori di restauro del Patronato iniziati ad ottobre. Per completarli serviranno dai 12 ai 18 mesi, per un costo complessivo di circa 1.100.000 euro. Una cifra importante, cui la parrocchia di Mirano, titolare dell’immobile, prevede di far fronte con un piano finanziario diviso in tre parti: un contributo in conto capitale già concesso dalla Conferenza Episcopale Italiana per 300 mila euro, un finanziamento a medio termine presso il sistema bancario per 500 mila euro e i rimanenti 300 mila euro lasciati alla generosità di enti, aziende e soprattutto parrocchiani. Tre i modi con i quali è ancora possibile contribuire: aderendo alle proposte messe in campo da associazioni e gruppi che operano nel Patronato, aderendo all’operazione “Mattone 2” consistente nell’offerta di 50 euro per l’acquisto simbolico di ogni singolo mattone del Patronato o dando disponibilità per la concessione di piccoli prestiti personali. Quest’estate il Patronato in restauro aprirà i battenti in via eccezionale per il tradizionale Grest.

FILIPPO DE GASPERI

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento