Voti frammentati fra troppi aspiranti consiglieri

All’appuntamento elettorale per la scelta del consiglio provinciale erano ben undici i cavarzerani che aspiravano alla conquista di un seggio a Ca’ Corner. Tra loro volti nuovi e politici di esperienza, candidati in gruppi politici consolidati e in schieramenti formatisi appositamente per questo appuntamento. Terminato il turno di ballottaggio con la vittoria di Francesca Zaccariotto, neopresidente della Provincia di Venezia sostenuta dal centrodestra, è interessante tirare le somme dei risultati ottenuti dai candidati cavarzerani che si sono tutti presentati agli elettori con entusiasmo e progetti concreti e significativi per il loro territorio. Prima delle elezioni in molti a Cavarzere si erano chiesti se avere undici candidati locali fosse positivo o se invece sarebbe stato meglio concentrare gli sforzi, e i voti, su un numero più ristretto di aspiranti consiglieri. A conti fatti, probabilmente sono molti di più a sostenere la seconda ipotesi che avrebbe di certo ridotto la frammentazione del voto innalzando la possibilità di avere un rappresentante in consiglio provinciale. Dello schieramento che sosteneva la vincitrice, il candidato che ha ottenuto più voti è stato Riccardo Tosello del Pdl che ha ricevuto 1.898 preferenze ed è l’unico cavarzerano che ha concrete possibilità di arrivare a Palazzo Corner. In molti hanno scelto di dare il proprio voto alla Lega Nord e al suo candidato Michael Valerio che ha ottenuto 1.666 voti. Gli altri due aspiranti consiglieri cavarzerani che sostenevano Francesca Zaccariotto hanno ottenuto un numero di preferenze nettamente inferiore. Precisamente Maurizio Pavanello della lista della candidata presidente ha ricevuto 123 preferenze, quasi tutte concentrate nella frazione di Rottanova in cui risiede e Renzo Sacchetto, candidato del Movimento popolare veneto, ne ha ottenute 202. Ancor maggiore è apparsa la frammentazione nello schieramento a sostegno di Davide Zoggia. Il più votato dagli elettori del centrosinistra cavarzerano è stato Sante Forzan del Pd che ha ricevuto 1.666 preferenze. Nadio Grillo, candidato di Sinistra per Venezia, ha ottenuto la fiducia di 637 cavarzerani mentre Enrico Crepaldi dell’Idv ha conquistato 350 voti. Patrizia Giro di Rifondazione comunisti italiani ha ricevuto 333 preferenze, Ezio Rubini nella lista Zoggia presidente se ne è aggiudicate 170 e Sergio Rubinato del Partito socialista ha avuto 65 voti.A concludere il quadro del voto di Cavarzere e Cona per il consiglio provinciale il candidato dell’Udc Simone Zanotto, premiato dalla fiducia di 401 suoi concittadini.

NICLA SGUOTTI

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento