Programma e giunta di Fiorella Canova

Forse tra i neo sindaci scaturiti dalle recenti elezioni comunali, quello più emozionato e in parte incredulo di poter presentarsi ai suoi cittadini con la fascia tricolore di traverso è proprio Fiorella Canova. Lei e la sua “truppa”, intendiamoci ce l’hanno messa tutta per vincere. Dall’altra parte c’era però un avversario molto coriaceo come l’uscente primo cittadino Federico Ossari, che di politica amministrativa ne mastica molta. Eppure alla fine i pontelongani hanno premiato il centrodestra e la Canova.
E così lei stessa ha riunito il primo consiglio comunale rinnovato dopo la sconfitta del sindaco uscente Federico Ossari. Nella circostanza Fiorella Canova è apparsa emozionata, ha prestato giuramento e successivamente ha reso noti gli argomenti sui quali si accentrerà l’attività amministrativa nei prossimi cinque anni. A partire dalla sicurezza, piaga sociale avvertita dai cittadini e vero punto forte del programma della lista “Insieme per Pontelongo”.
“Ci impegneremo per adibire un’area a caserma dei carabinieri o a ufficio sicurezza presidiato dai militari — ha specificato Canova -. Completeremo il progetto di videosorveglianza a coordineremo le forze di polizia locale per un controllo del territorio più efficace possibile. Inoltre, avvieremo un monitoraggio del fenomeno microcriminalità, in collaborazione con gli altri Comuni”. In tutto ciò, il nuovo sindaco sarà affiancato da un giunta composta da tre uomini e altrettanti componenti femminili: Enzo Battisti sarà il vice sindaco con le deleghe all’ambiente, alla protezione civile e alle attività produttive.
Chiara Zulian sarà assessore al bilancio e alla pubblica istruzione. Fabio Magagnato seguirà lo sport; Stefano Turetta la cultura, Roberta Bruscaglin si occuperà dei lavori pubblici, edilizia privata e viabilità, mentre il sindaco gestirà i servizi sociali e la sanità. Capogruppo di maggioranza sarà Emanuele Canova, fratello del sindaco.
Federico Ossari, nel suo intervento che ha ricordato i progetti attuati dalla sua amministrazione negli ultimi cinque anni e criticato l’attuale maggioranza per la “mancata menzione del cittadino illustre Luigi Bozzato” nel programma della maggioranza e le “poche righe dedicate alla cultura”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento