“Ecco l’alternativa al percorso in superficie”

I comitati della Riviera del Brenta e del Miranese che lottano contro l’elettrodotto Dolo — Camin, propongono una soluzione alternativa a quella proposta dalla Regione e da Terna nelle scorse settimane. “La società tedesca di Francoforte specializzata nella realizzazione di cavi elettrici ad altissima tensione – spiegano Mattia Donadel e Adone Doni per i comitati – ha presentato un progetto alternativo a quello di Terna, per la realizzazione dell’elettrodotto a 380 mila volt Redipuglia-Udine della lunghezza di 38 km, interrato, con un costo di 114 milioni di euro, solo una decina in più di quello aereo previsto dalla società romana. Ma alla fine, sul lungo periodo, risulta un risparmio in quanto per gli elettrodotti interrati è prevista la manutenzione ogni 50 anni rispetto ai 15 di quelli aerei”. La società di Francoforte ha già effettuato, fanno sapere i comitati, interventi simili per percorsi molto più lunghi di 38 km e per tensioni molto più alte. “L’interramento della Camin — Dolo – dice – avverrebbe in un condotto realizzato ad una profondità di due metri e largo sei; inoltre, i cavi interrati, avendo emissioni elettromagnetiche molto più basse rispetto a quelli aerei, permetterebbero la coltivazione e, addirittura, di costruirci sopra abitazioni, salvaguardando in tal modo sia la salute che l’ambiente. L’unico aspetto negativo riguarda il rimboschimento, in quanto le radici possono diramarsi in profondità”. E quindi, contro ogni evidenza dei fatti, secondo i comitati Terna dice che nel caso del tratto Dolo-Camin e solo in questo tratto, la soluzione aerea è quella più affidabile e meno impattante. “La Regione che — dicono – sposa in pieno le tesi di Terna invece di adoperarsi per trovare le soluzioni migliori per l’ambiente e per la collettività. Il coordinamento comitati si rivolge ai Sindaci affinché promuovano tempestivamente, alla stregua di quanto avvenuto in Friuli, un incontro con la società tedesca per la verifica di fattibilità dell’interramento del Dolo-Camin, avendo cura di invitare a tale incontro anche i commissari della Commissione VIA regionale, in primis il suo Presidente”. Il Coordinamento infine invita inoltre i Sindaci a chiedere una nuova audizione alla Commissione Via nazionale prima che questa si pronunci definitivamente sul progetto.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento