Due strade per il lavoratore che si trova in difficoltà

In questi ultimi tempi si sente troppo spesso parlare di cassa integrazione e di liste di mobilità. Dietro a questi termini si nascondono regole precise che suddividono i lavoratori in difficoltà secondo la tipologia di azienda di provenienza e il tipo di sussidio scelto in sede di contrattazione fra le parti sociali. La crisi aziendale viene comunicata dalle imprese in difficoltà a Inps, rappresentanze sindacali e Commissione provinciale del lavoro, il passo successivo è quello di cercare soluzioni per i lavoratori che dovranno essere licenziati o messi in cassa integrazione.
La lista di mobilità o legge 223/91, è uno strumento speciale del quale usufruiscono i lavoratori coinvolti in licenziamenti collettivi. È una procedura richiesta dall’azienda stessa e prevede per i lavoratori licenziati l’erogazione dell’80 % dello stipendio per 12 mesi e un incentivo per le aziende che intendono assumere questi lavoratori. La lista di mobilità speciale o legge 236/93 è stata studiata per lavoratori coinvolti in licenziamenti individuali, soprattutto quelli delle piccole e medie imprese.
Costoro ricevono un sussidio di disoccupazione del 60% nei primi sei mesi e del 50% fino all’ottavo mese. Per coloro che hanno più di cinquant’anni, conoscendo la difficoltà che si trova oggi per il loro reinserimento nel mondo del lavoro, dall’ottavo al dodicesimo mese percepiscono il 40% dello stipendio. Se si genera una situazione di non accordo fra azienda e parti sociali, è previsto un aggravio dei costi per l’azienda in fase di licenziamento. Un invito quindi ogni volta a cercare una soluzione adeguata per i lavoratori che rimangono senza lavoro a causa di una crisi dell’azienda. La Cassa integrazione ordinaria e speciale è invece un sussidio per i lavoratori sospesi dal lavoro quando l’azienda attraversa un momento difficile ma esistono buone possibilità di una ripresa.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento