Piazzati cinque dei sei delegati alle Rsu

La Fiom Cgil batte cinque a uno la Fim Cisl alla Carel di Brugine, l’azienda di Luigi Rossi Luciani che, con i suoi 450 dipendenti, è una pietra miliare dell’economia locale. Per la stragrande maggioranza i rappresentanti delle nuove Rsu, eletti nei giorni scorsi, sono delegati della Fiom (Cristina Carraro, Chiara Frizzi, Giliola Dalla Libera, Omar Aretino e Giacomo Ferro) e solo uno (Davide Cecconello) della Fim.
“La precedente Rsu era divisa equamente tra le due sigle. Si tratta quindi di un evidente ed importante cambiamento di orientamento dei lavoratori, in una fabbrica importantissima per il territorio — afferma soddisfatto Andrea Donegà della Fiom Cgil di Padova -. La nuova Rsu è equilibrata perché è composta da quattro persone con precedente esperienza e da due nuovi, in più è rappresentativa della complessità aziendale, con tre uomini e tre donne, tre impiegati e tre operai”. A differenza di altre realtà del territorio, gli effetti di questo periodo nero non hanno particolarmente messo in difficoltà la Carel, azienda leader nel settore della tecnologia e dell’elettronica per il condizionamento, raffreddamento e per l’umidificazione, che riceve commesse da tutto il mondo. Al momento i segnali di difficoltà sono stati assorbiti con l’utilizzo delle ferie, dei permessi per i dipendenti e con una gestione più attenta dei costi aziendali, senza la necessità di ricorrere alla cassa integrazione. “Nonostante ciò — chiude Donegà – la Rsu dovrà affrontare un ruolo impegnativo sia sul piano contrattuale che sul piano dell’organizzazione del lavoro. Carel è alle prese con importanti cambiamenti organizzativi su cui la Fiom intende porre grande interesse”

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento