“Mancano medici, infermieri, operatori socio- sanitari”

La questione sanità ultimamente è soggetto di dibattiti più o meno accesi. Abbiamo chiesto all’assessore provinciale alla Salute Guglielmo Brusco qual è il suo punto di vista in merito alla questione polesana.
Che cosa manca alla sanità della nostra provincia?
“Credo che la più grande carenza che danneggia la sanità pubblica sia il personale. Mancano medici, infermieri, operatori socio- sanitari e questo crea non poche difficoltà nello svolgimento delle attività”.
Secondo lei a che cosa è dovuta questa mancanza?
“La responsabilità è della Regione che non mette a disposizione le adeguate risorse per assumere il personale. In questo modo accade che gli utenti si ritrovano ad avere lunghi tempi di attesa e spesso preferiscono rivolgersi a strutture private a pagamento, inoltre, chi esercita nelle strutture pubbliche deve sostenere dei ritmi troppo intensi di lavoro”.
Quale crede sarebbe la soluzione di questa situazione?
“E’ necessario rimodulare il rapporto tra pubblico e privato. Oggi le strutture private stanno svolgendo delle azioni che un tempo non erano di loro competenza. Basta pensare che fino a qualche tempo fa i privati nell’Ulss 18 avevano 14 milioni di euro, oggi ne hanno 40 perché sempre più servizi vengono loro ceduti”.
Quindi come si potrebbero rendere più agevoli le condizioni per la sanità pubblica?
“Bisognerebbe che la Regione si applicasse per far funzionare al meglio i servizi pubblici senza indebolirli. Con più personale ed apparecchiature si potrebbero svolgere servizi che apporterebbero sicuramente vantaggi economici alla sanità veneta che ora è segnata da deficit pesanti. Penso che la Regione, con l’assessore alla sanità Sandro Sandri, amministri in modo poco avveduto nei confronti dei polesani. Finché non ci saranno le assunzioni che renderanno più funzionali i servizi non possiamo parlare di un futuro roseo per il settore pubblico i cui bilanci peggiorano di continuo”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento