Allagamenti: la Riviera finisce sott’acqua

L’argomento del mese di questa edizione de “La Piazza” è l’ennesimo caso di allagamenti che ha colpito la Riviera nella notte tra martedì 15 e mercoledì 16 settembre scorso. Dopo un’abbondante pioggia tutti i comuni del territorio hanno subito allagamenti con numerosi disagi per i residenti che si sono trovati la casa o i garage pieni d’acqua. Alcuni dei comuni interessati dagli allagamenti hannno infatti chiesto lo stato di crisi. I comuni dell’area ovest della Riviera sono stati Fiesso, Stra, Fossò Pianiga e Vigonovo. “Il problema maggiore – ragiona Alvise Caretta direttore del Consorzio di Bonifica Sinistra e Medio Brenta – si è avuto nel graticolato romano, dove la pioggia è stata più intensa: tra Stra e Fiesso d’Artico, fino alla Bassa padovana, si sono registrati picchi di 200 e addirittura è il caso di Stra, 220 millimetri d’acqua nel corso di 18 ore. Pioggia che è finita nelle strade che si sono trasformate in canali di scolo, nei campi e pure nelle abitazioni. Le strade, in particolare la sera di mercoledì 16 settembre, erano tutte bloccate”. Analizziamo ora le zone di ogni comune che hanno subito i maggiori problemi. A Stra è stato deciso lo sgombero della scuola elementare di via Fossalovara perché pioveva dentro le classi dal tetto e dagli infissi. Allagamenti e disagi si sono registrati anche in via Venezia, via Malgaro e nel quartiere Luma dove le strade erano piene d’acqua con abitazioni che avevano 30 centimetri d’acqua in casa. I residenti hanno protestato perché gli interventi sono arrivati in ritardo e il numero di emergenza aveva la segreteria telefonica attivata. Le grosse piogge hanno creato problemi anche a Dolo nella zona di via Modigliani e di via Saffi dove interi condomini hanno avuto i garage allagati con 40 centimetri d’acqua. Disagi anche in via Cairoli e via Luigi Nono dove le idrovore sono state attaccate. Problemi anche ad Arino in via Torre e via Albarea con i fossati che hanno tracimato invadendo la carreggiata e mettendo in pericolo le abitazioni della zona. A Sambruson problemi e allagamenti ci sono stati in via Cimitero, via Galilei, via Casino Rosso e via Brentasecca. Sono finiti sott’acqua decine di scantinati e di garage sotterranei nonostante la presenza massiccia del personale della Protezione Civile. Disagi anche a Fiesso nella zona via Vecchia e di via Milano dove è tracimato il fossato invadendo i giardini e le case,e di via 25 aprile nella zona delle scuole dove a causa degli scarichi intasati l’acqua ha invaso scantinati a garage. A Fossò invece ci sono via Roverelli, via Monsignor Bellini, vicolo Artigianato e a Sandon via Cartile mentre a Vigonovo molte zone, anche a Galta sono andate sottoacqua. Per porre rimedio il comune di Dolo ha deciso di imporre un’ordinanza, già attiva in altri comuni, per obbligare i residenti a tenere puliti i loro fossati davanti alle loro case. Il comune di Fiesso, oltre ad aver chiesto lo stato di crisi, ha deciso di formare una commissione ad hoc per l’emergenza idraulica, e di spendere quasi tutto l’avanzo di bilancio in opere di salvaguardia e manutenzione idraulica.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento