Calano le multe sulla Romea

La crisi blocca anche le contravvenzioni. Calano infatti a causa del brutto periodo economico anche le contravvenzioni sulla Romea date dai vigili urbani. Le multe sulla Romea sono praticamente quelle che sono state appioppate nel tratto che va da Malcontenta di Mira a Lova di Campagna Lupia. E i prezzi delle contravvenzioni sono salatissimi.
Le multe sulla Romea sono state date dai vigili di Campagna Lupia, Campolongo e Camponogara (sono polizie municipali consorziate) grazie ad appostamenti con autovelox agli incroci di Lova, Lughetto e Lugo. I Comuni rivieraschi nel corso degli ultimi due anni hanno registrato un calo di oltre il 30 % delle multe comminate. Ecco i dati: in 12 mesi sulla Romea a Campagna Lupia erano state date nel 2008 circa 500 multe. Nei primi 9 mesi dell’anno erano 450.
Ora sono poco più di 300. Si tratta di contravvenzioni fatte per lo più per eccesso di velocità e anche quest’anno nonostante il calo delle multe le sorprese non mancano. Sulla Romea lo “sport preferito” per molti automobilisti è quello di sorpassare in continuazione e correre davvero forte.
Oltre al calo delle multe è stato registrato anche un forte calo di transito di mezzi pesanti. I vigili hanno anche fatto delle rilevazioni sul traffico giornaliero che passa sulla Romea.
Si è registrato così un calo del traffico commerciale del 40% mentre la diminuzione del traffico di autoveicoli è del 25%. Una situazione simile è registrata anche a Mira. “Nel 2008 – spiega il comandante Mauro Rizzi — abbiamo comminato circa una ottantina di multe sulla Romea per lo più per eccesso di velocità. Quest’anno le multe invece fino ad ora sono 40 si pensa che alla fine la diminuzione sarà del 20 — 30%“. I vigili urbani sia di Mira che di Campagna Lupia spiegano che sulla Romea crisi o non crisi si corre troppo. Per questo il sindaco Livieri è deciso a ricorrere a sistemi radicali.
E’ intenzionato a piazzare entro il 2009 massimo per i primi mesi del 2010 degli autovelox automatici a ridosso degli incroci sulla Romea. Una soluzione questa che sta studiando anche il comune di Mira. Anche se in questo caso l’azione del comune è molto più cauta.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento