Complanare avanti tutta

Il progetto della Complanare avanza. Anche le difficoltà incontrate con la società Autostrade sembrano appianate. L’arteria congiungerà l’attuale casello autostradale con la nuova regionale 10, correndo parallela all’autostrada per 3 chilometri. Il progetto prevede due rotatorie, su via San Pietro e all’innesto con la Monselice-mare. Il costo dell’opera è di circa 11 milioni di euro: 5 milioni e mezzo da Veneto Strade, 1 e mezzo dal Comune e il resto dalla Provincia. Ma dall’opposizione arriva il pollice verso sul progetto per via del costo e dell’impatto che avrà sul territorio.
“In campagna elettorale il candidato Francesco Lunghi si era ben guardato dal rendere nota la lettera che richiedeva una fascia di rispetto più ampia di quella prevista nel progetto — spiegano i consiglieri Francesco Miazzi, Rino Biscaro, Pietroantonio Aldrigo e Arnaldo Merlin – Ora invece si comunica con tempismo eccezionale la nuova posizione della società autostradale, materializzando un classico esempio di “strabismo amministrativo. La posizione del centrosinistra in questi anni ha sempre sostenuto scelte alternative, come la costruzione della terza corsia autostradale, la liberalizzazione del tratto autostradale Monselice — Padova ed in subordine, chiedeva lo spostamento del Casello nell’intersezione con la Monselice — mare con il mantenimento di un casello ad alta automazione nel sito attuale”. Per l’opposizione è chiaro che nel prossimo futuro ci sarà una terza corsia autostradale e lo spostamento del casello. “Attenderemo con ansia il 2012 per vedere se si tratta della volta buona, dopo che da un decennio di proclami — continuano — Ma il Sindaco informi i cittadini, che nel mese di agosto 2009 è stato presentato all’Anas il progetto preliminare della terza corsia autostradale e che questo tratto di “complanare” rappresenta solo il primo lotto e i progetti relativi prevedono il futuro prolungamento verso nord della variante alla ss 16 per altri 6,5 km in parallelo all’autostrada, nonché la dismissione dell’attuale svincolo di Monselice e la sua ricollocazione circa 4 km a sud dell’esistente. Se l’amministrazione si fosse battuta per il mantenimento anche dell’attuale casello, la collettività avrebbe risparmiato 11 milioni di euro, ridotto il consumo di territorio, bloccando le inevitabili speculazioni che nasceranno attorno alla nuova arteria”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento