domenica, 14 Aprile 2024
HomeRiviera del BrentaRiviera OvestDisoccupazione, primi spiragli di ripresa

Disoccupazione, primi spiragli di ripresa

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Disoccupazione in Riviera, cala il crollo della perdita dei posti di lavoro. A spiegarlo sono i dati che forniti direttamente dai centri per l’impiego di Mirano e Dolo e coordinati dall’assessore provinciale al Lavoro Paolino D’ Anna . L’analisi che fa l’assessore e i suoi tecnici riguarda l’andamento degli ultimi 4 anni nel comprensorio i 17 comuni. Ecco i dati: nel 2005 i disoccupati nel comprensorio di Dolo — Mirano gli iscritti alle liste di disoccupazione erano 4156, nel 2006, 3901, nel 2007 4061. Un balzo nel 2008: 4580. Il boom dei disoccupati è di quest’anno, ovviamente collegato alla crisi: nei primi 8 mesi i senza lavoro sono già 4124. Per fine anno potranno essere almeno 6500. In mobilità da quest’anno ci sono 1046 maschi, e 605 femmine. “Se nei primi sei mesi sono finiti in disoccupazione circa 3500 persone — dice in una nota Paolino D’Anna – negli ultimi due siamo a quota 700 persone. Insomma la crisi è rallentata e si pensa che nel 2010 la ripresa sarà forte. Per la Provincia, la crisi sta frenando e che la provincia sta dando il via ad una serie di iniziative per moderare l’impatto della crisi sulle categorie più deboli. I settori che hanno subito di più i tagli e disoccupati sono stati quelli del tessile quelli dell’edilizia e del metalmeccanico, il calzaturiero ha sostanzialmente tenuto. In ripresa il settore chimico. Eco i rimedi messi in campo. “La perdita di posti di lavoro – conclude D’Anna in una nota – dalle stime che stiamo facendo dovrebbe rallentare. Cercheremo di attuare anche in Riviera e Miranese, una serie di iniziative, per sostenere l’occupazione attraverso percorsi di riqualificazione e inserimento nel modo del lavoro. Stiamo cercando di attutire il più possibile, il colpo di coda della crisi. Abbiamo in piedi più progetti ed attività, tra i quali il progetto over 45. E’ un progetto mirato a sostenere l’occupazione dei disoccupati con più di 45 anni. Daremo fondi speciali per disabili. Puntiamo sullo sportello donne al lavoro”.