Indennizzi insufficienti per ricompensare Casale e non solo

“Io do una cosa a te e tu dai una cosa a me”. La semplificazione è banale ma il dialogo tra i comuni che partecipano ad un Pati sta in questi termini. Non nel Montagnanese, però, perché Castelbaldo non potrebbe mai scambiare il proprio potenziale turistico con Montagnana ottenendo, in cambio, l’implementazione della propria vocazione logistica, perché non possiede ne’ l’una ne’ l’altra. E la stessa cosa vale per Merlara, Urbana, Masi o San Vitale. Ma il Pati suggerisce ai comuni di mettere insieme le loro forze, in modo da strutturare adeguatamente il territorio e in questo caso l’unica opportunità veramente perseguibile, alla quale tutti dovrebbero partecipare sacrificando le proprie potenzialità produttive, è quella rappresentata dall’area individuata dal Ptcp (Piano territoriale di coordinamento provinciale) nell’alto Montagnanese, a ridosso della Sr10, dove sta per nascere il Parco Fiumicello. In mancanza di materia di scambio tra i comuni, e il Montagnanese è l’unico esempio del Veneto, è stato previsto il sistema delle perequazioni, pensate secondo il principio che vantaggi e svantaggi derivanti dal futuro assetto territoriale, siano divisi in proporzioni il più possibile eque tra tutte le parti coinvolte. I comuni non interessati dal Parco Fiumicello, ossia tutti tranne Santa Margherita, Saletto e San Fidenzio, dunque dovrebbero venire indennizzati ma il sistema adottato non piace a Casale che in questo modo vede troppo penalizzata la propria area produttiva ricevendo in cambio solo dei finanziamenti rivolti alla costruzione di un’opera pubblica. Per questo il sindaco ha chiesto di rivedere il sistema delle perequazioni, ricevendo in cambio la risposta dall’architetto Luigi Matteraglia tesa a sottolineare che i lavori sono stati conclusi e che comunque se qualche variazione potrà essere possibile, il margine di intervento, sarà molto modesto.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento