Partita la XXII Campagna di ricerca

L’avvio della XXII Campagna di ricerca archeologica di superficie, è stato dato agli inizi di questo mese in occasione di un incontro al quale hanno partecipato due “padri” dell’archeologia locale. I loro nomi ovviamente sono quelli di Enrico Zerbinati e di Raffaele Peretto che insieme al Gruppo Archeologico di Villadose sono gli autori di tante scoperte.
Dall’autunno del 1988, infatti, durante il periodo invernale, quando i campi sono liberi dalle colture, partono le ricerche di superficie che hanno portato nel giro di 21 anni a studiare più di 200 Km quadrati di territorio polesano, con l’individuazione di 770 siti archeologici e la raccolta di decine di migliaia di reperti archeologici attualmente conservati presso il Museo dei Grandi Fiumi di Rovigo, il museo Bottacin di Padova e il Museo della Centuriazione di Villadose.
Quest’anno dopo 20 anni si tornerà a studiare il territorio di Villadose dove dal 1988 al 1990 erano stati individuati 108 siti romani, molti dei quali hanno offerto dracme d’argento e bronzetti votivi degli antichi Veneti che con i Romani si dividevano il territorio.
Coloro che fossero interessati a partecipare alle ricerche che abitualmente si svolgono alla domenica mattina, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica del Veneto, è necessario che prima si iscrivano al Gruppo Archeologico di Villadose, pratica che può svolta semplicemente contattando il responsabile della ricerca Alessandro Grigato (tel. 0425 947216).

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento