Viabilità, ecco le 10 richieste del comune

Ridurre l’impatto ambientale dell’opera, migliorare il progetto e sottoscrivere un protocollo d’intesa dove inserire le proprie istanze. Sono i punti fermi delle dieci richieste avanzate dal Comune di Scorzè alla Regione e a Veneto Strade per la variante alla 515 da via Mestrina a via Volta e messe nero su bianco in una delibera ad hoc. La tangenziale, infatti, transiterà a Nord della centrale elettrica ed è già stato avviato il bando di gara per affidare i lavori. La giunta di Scorzè ha emesso una delibera dove ci sono, in modo dettagliato, tutte le richieste da formulare. Se la nuova tangenziale, infatti, non transiterà a Sud, come più volte richiesto dal centrodestra cittadino, almeno si pretende che siano fatti quegli interventi per limitare l’impatto dell’opera e garantire una migliore vivibilità ai residenti. Per il governo locale, poi, è prioritaria la tutela dei propri cittadini e si dovrà realizzare il collegamento tra la regionale 515 e via Cornarotta, sulla provinciale 37, prima dell’apertura del casello autostradale di Cappella. Vediamo le principali. Innanzitutto Scorzè vuole la modifica del progetto, eliminando il tratto di strada da via Mestrina (provinciale 38) alla rotatoria nelle vicinanze di via De Gasperi, sostituendo quest’ultima con un’arteria di collegamento lineare. Chiede poi garanzie sul finanziamento di quella parte del tracciato che va dalla rotonda di via Volta e quella prevista sulla Castellana per l’accesso al Passante. Per tutelare il territorio, Scorzè pretende che siano costruite, nel tratto da via Volta alla Noalese, delle dune alberate e installate delle barriere fonoassorbenti lungo entrambi i lati della futura strada. Inoltre invita a valutare la possibilità di fare in trincea il tratto tra via Cornarotta (provinciale 37) e la Noalese. Per migliorare la viabilità, poi, Mestriner e la sua giunta vogliono un’unica rotatoria all’incrocio tra la variante e la regionale Noalese-vie Milano e Padova. Per la messa in sicurezza di via Milano, si chiede la realizzazione di una pista ciclabile e di una rotonda all’incrocio tra la stessa via Milano e la Castellana. Sempre in materia di rotonde, Scorzè chiede certezze sul finanziamento per quella tra la Castellana e via Volta, già in iter di approvazione. Per Scorzè, poi, il termine riprogettare l’opera è fissato per il 30 novembre prossimo.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento