I bambini ridisegnano la piazza

Una nuova piazza per Mirano disegnata dai bambini. Questa l’iniziativa messa in atto da Confesercenti Venezia, in collaborazione con Venezi@opportunità, con il patrocinio del Comune di Mirano, che ha contribuito al Concorso grafico diretto alle scuole dell’infanzia e alle Primarie del Comune di Mirano dal titolo “La Piazza che Vorrei” . Di cosa si tratta? Il Concorso “La Piazza che vorrei!”. L’iniziativa nasce dalla volontà di Confesercenti di avviare un dialogo con i giovani studenti della Scuola d’Infanzia e Primaria del Comune di Mirano su come vorrebbero fosse il centro città. Il progetto punta a dare libero sfogo alle idee degli alunni; ai loro sogni, alla loro fantasia e creatività per ridisegnare la piazza di Mirano.
In questo modo si offre la possibilità ai bambini di far vedere agli adulti come e in che modo immaginano la piazza: un luogo che dovrebbe essere pensato e dedicato anche ai più piccoli. Il progetto è iniziato ad ottobre 2009 con i primi incontri con i rappresentanti delle istituzioni pubbliche del Comune di Mirano, poi è proseguito con gli incontri con i direttori del 1. e del 2. Circolo didattico delle Scuole di Mirano. Attraverso la collaborazione dei direttori Monica Cuzzolin (1. Circolo Didattico) e Alessio Morassut (2. Circolo didattico), è stato presentato il progetto alle insegnanti delle scuole coinvolte. Entro il 29 gennaio 2010 dovranno essere spedite le richieste di adesione.
Il progetto si concluderà il 13 maggio 2010 con la premiazione in Piazza a Mirano. Date le difficoltà e la crisi finanziaria che ha coinvolto il mondo della Scuola, Confesercenti, ha avviato anche una raccolta di fondi che sarà destinata sia al 1. circolo didattico che al 2. Soddisfatti gli organizzatori.
La partecipazione da parte dei negozianti di Mirano infatti è stata massiccia: circa una cinquantina hanno aderito all’iniziativa e sono disposti ad esporre le opere dei giovani artisti almeno quindici giorni prima della premiazione ufficiale. “Anche attraverso questo progetto — ha affermato Maurizio Franceschi, Direttore della Confesercenti, nel corso della conferenza stampa – pensiamo sia possibile avviare un dialogo aperto con le generazioni che rappresentano il nostro futuro.
Attraverso iniziative e progetti vogliamo avvicinare i bambini e loro famiglie al centro città, facilitandone la conoscenza. Grazie ad iniziative di questo tipo speriamo di creare una sorta di affiliazione tra i cittadini e commercianti che contribuiscono a vitalizzare e animare il cuore commerciale”.
Ma non solo. “Pensiamo — ha spiegato Francesca Jani, Presidente della Confesercenti di Mirano – che questo possa essere anche un momento di riflessione e di dialogo sia per i più piccoli, che ne discuteranno in classe, sia per gli adulti, sulla qualità della vita offerta dalla nostra città e sulle potenzialità inespresse”. Anche il comune di Mirano ha detto la sua. “Sono felicissimo che venga organizzato questo progetto — ha detto l’assessore alla Pubblica Istruzione Franco Venturini di Mirano – perché premia le classi che hanno realizzato i lavori migliori con strumenti utili per la scuola. E’ anche un modo positivo per far stare i bambini insieme a lavorare pensando alla piazza che vorrebbero”. Numerosa la partecipazione dei negozianti.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento