“Un progetto per il raddoppio della Romea”

Il sindaco di Campagna Lupia Fabio Livieri non molla. Per il primo cittadino il tracciato migliore per la Romea commerciale è quello che prevede il raddoppio sul lato laguna. Per questo motivo sono state spedite le 2300 firme raccolte sul territorio al Ministero anche se alla vigilia di Natale di fatto è arrivato il parere positivo dalla commissione via regionale, per la realizzazione della Commerciale con innesto a Roncoduro. Il sindaco ribadisce che per favorire l’ipotesi B cioè quella che prevede il proseguimento fino a Villabona, è intenzionato a commissionare un progetto ad hoc che poi spedirà anch’esso al Ministero “Per spiegare fino in fondo le ragioni della nostra proposta — ha detto Livieri in una nota — ho deciso di dare incarico ad uno studio ad hoc per spedire una volta completato il progetto che prevede il raddoppio dell’attuale statale 309. Costo dell’operazione: 15 mila euro. Per difendere la mia posizione e quella di migliaia di cittadini cercherò di far cambiare idea al ministero, dove nonostante il parere della commissione via regionale, il tracciato potrebbe ancora cambiare e proseguire in direzione Mestre percorrendo la vecchia direttrice della Romea“. Se questa possibilità piace ai comuni di Dolo e Pianiga che eviterebbero l’innesto a Roncoduro, non va giù invece a quelli di Mira e Venezia preoccupati per i danni a Gambarare, Oriago Malcontenta e Marghera. Il comune di Mira di facciata dice no ad ogni ipotesi di Romea Commerciale, ma di fatto si capisce che preferisce di gran lunga l’ipotesi Roncoduro. I comitati Cat intanto continuano a dire no a tutte le possibilità di aggancio della Romea a Roncoduro, entrando in polemica diretta con l’associazione di Salvaguardia di Malcontenta che plaude invece all’innesto a Roncoduro. Il coordinatore di zona della Lega Nord in Riviera del Brenta Paolo Pizzolato (che è anche amministratore unico di Veneto Agricoltura ) ha ricordato alla Salviato che “sulla Romea Commerciale e sulla Camionabile lungo l’idrovia solo la Lega ha detto dei chiari no. “Gli altri — sottolinea Pizzolato – parlano ora a ridosso delle scadenze elettorali“. Per Rifondazione Comunista infine è ora di dar battaglia ed organizzare sul territorio una raffica di assemblee per mobilitare la popolazione contro la Romea Commerciale “Dal questo mese febbraio — spiega Fabio Zanchetta Per Rc della Riviera — ci saranno sul territorio una serie di appuntamenti per mobilitare la popolazione contro la Romea. Ci saranno anche volantinaggi ai mercati rionali“.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

“Un progetto per il raddoppio della Romea”

Il sindaco di Campagna Lupia Fabio Livieri non molla. Per il primo cittadino il tracciato migliore per la Romea commerciale è quello che prevede il raddoppio sul lato laguna. Per questo motivo sono state spedite le 2300 firme raccolte sul territorio al Ministero anche se alla vigilia di Natale di fatto è arrivato il parere positivo dalla commissione via regionale, per la realizzazione della Commerciale con innesto a Roncoduro. Il sindaco ribadisce che per favorire l’ipotesi B cioè quella che prevede il proseguimento fino a Villabona, è intenzionato a commissionare un progetto ad hoc che poi spedirà anch’esso al Ministero “Per spiegare fino in fondo le ragioni della nostra proposta — ha detto Livieri in una nota — ho deciso di dare incarico ad uno studio ad hoc per spedire una volta completato il progetto che prevede il raddoppio dell’attuale statale 309. Costo dell’operazione: 15 mila euro. Per difendere la mia posizione e quella di migliaia di cittadini cercherò di far cambiare idea al ministero, dove nonostante il parere della commissione via regionale, il tracciato potrebbe ancora cambiare e proseguire in direzione Mestre percorrendo la vecchia direttrice della Romea“. Se questa possibilità piace ai comuni di Dolo e Pianiga che eviterebbero l’innesto a Roncoduro, non va giù invece a quelli di Mira e Venezia preoccupati per i danni a Gambarare, Oriago Malcontenta e Marghera. Il comune di Mira di facciata dice no ad ogni ipotesi di Romea Commerciale, ma di fatto si capisce che preferisce di gran lunga l’ipotesi Roncoduro. I comitati Cat intanto continuano a dire no a tutte le possibilità di aggancio della Romea a Roncoduro, entrando in polemica diretta con l’associazione di Salvaguardia di Malcontenta che plaude invece all’innesto a Roncoduro. Il coordinatore di zona della Lega Nord in Riviera del Brenta Paolo Pizzolato (che è anche amministratore unico di Veneto Agricoltura ) ha ricordato alla Salviato che “sulla Romea Commerciale e sulla Camionabile lungo l’idrovia solo la Lega ha detto dei chiari no. “Gli altri — sottolinea Pizzolato – parlano ora a ridosso delle scadenze elettorali“. Per Rifondazione Comunista infine è ora di dar battaglia ed organizzare sul territorio una raffica di assemblee per mobilitare la popolazione contro la Romea Commerciale “Dal questo mese febbraio — spiega Fabio Zanchetta Per Rc della Riviera — ci saranno sul territorio una serie di appuntamenti per mobilitare la popolazione contro la Romea. Ci saranno anche volantinaggi ai mercati rionali“.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

“Un progetto per il raddoppio della Romea”

Il sindaco di Campagna Lupia Fabio Livieri non molla. Per il primo cittadino il tracciato migliore per la Romea commerciale è quello che prevede il raddoppio sul lato laguna. Per questo motivo sono state spedite le 2300 firme raccolte sul territorio al Ministero anche se alla vigilia di Natale di fatto è arrivato il parere positivo dalla commissione via regionale, per la realizzazione della Commerciale con innesto a Roncoduro. Il sindaco ribadisce che per favorire l’ipotesi B cioè quella che prevede il proseguimento fino a Villabona, è intenzionato a commissionare un progetto ad hoc che poi spedirà anch’esso al Ministero “Per spiegare fino in fondo le ragioni della nostra proposta — ha detto Livieri in una nota — ho deciso di dare incarico ad uno studio ad hoc per spedire una volta completato il progetto che prevede il raddoppio dell’attuale statale 309. Costo dell’operazione: 15 mila euro. Per difendere la mia posizione e quella di migliaia di cittadini cercherò di far cambiare idea al ministero, dove nonostante il parere della commissione via regionale, il tracciato potrebbe ancora cambiare e proseguire in direzione Mestre percorrendo la vecchia direttrice della Romea“. Se questa possibilità piace ai comuni di Dolo e Pianiga che eviterebbero l’innesto a Roncoduro, non va giù invece a quelli di Mira e Venezia preoccupati per i danni a Gambarare, Oriago Malcontenta e Marghera. Il comune di Mira di facciata dice no ad ogni ipotesi di Romea Commerciale, ma di fatto si capisce che preferisce di gran lunga l’ipotesi Roncoduro. I comitati Cat intanto continuano a dire no a tutte le possibilità di aggancio della Romea a Roncoduro, entrando in polemica diretta con l’associazione di Salvaguardia di Malcontenta che plaude invece all’innesto a Roncoduro. Il coordinatore di zona della Lega Nord in Riviera del Brenta Paolo Pizzolato (che è anche amministratore unico di Veneto Agricoltura ) ha ricordato alla Salviato che “sulla Romea Commerciale e sulla Camionabile lungo l’idrovia solo la Lega ha detto dei chiari no. “Gli altri — sottolinea Pizzolato – parlano ora a ridosso delle scadenze elettorali“. Per Rifondazione Comunista infine è ora di dar battaglia ed organizzare sul territorio una raffica di assemblee per mobilitare la popolazione contro la Romea Commerciale “Dal questo mese febbraio — spiega Fabio Zanchetta Per Rc della Riviera — ci saranno sul territorio una serie di appuntamenti per mobilitare la popolazione contro la Romea. Ci saranno anche volantinaggi ai mercati rionali“.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento

“Un progetto per il raddoppio della Romea”

Il sindaco di Campagna Lupia Fabio Livieri non molla. Per il primo cittadino il tracciato migliore per la Romea commerciale è quello che prevede il raddoppio sul lato laguna. Per questo motivo sono state spedite le 2300 firme raccolte sul territorio al Ministero anche se alla vigilia di Natale di fatto è arrivato il parere positivo dalla commissione via regionale, per la realizzazione della Commerciale con innesto a Roncoduro. Il sindaco ribadisce che per favorire l’ipotesi B cioè quella che prevede il proseguimento fino a Villabona, è intenzionato a commissionare un progetto ad hoc che poi spedirà anch’esso al Ministero “Per spiegare fino in fondo le ragioni della nostra proposta — ha detto Livieri in una nota — ho deciso di dare incarico ad uno studio ad hoc per spedire una volta completato il progetto che prevede il raddoppio dell’attuale statale 309. Costo dell’operazione: 15 mila euro. Per difendere la mia posizione e quella di migliaia di cittadini cercherò di far cambiare idea al ministero, dove nonostante il parere della commissione via regionale, il tracciato potrebbe ancora cambiare e proseguire in direzione Mestre percorrendo la vecchia direttrice della Romea“. Se questa possibilità piace ai comuni di Dolo e Pianiga che eviterebbero l’innesto a Roncoduro, non va giù invece a quelli di Mira e Venezia preoccupati per i danni a Gambarare, Oriago Malcontenta e Marghera. Il comune di Mira di facciata dice no ad ogni ipotesi di Romea Commerciale, ma di fatto si capisce che preferisce di gran lunga l’ipotesi Roncoduro. I comitati Cat intanto continuano a dire no a tutte le possibilità di aggancio della Romea a Roncoduro, entrando in polemica diretta con l’associazione di Salvaguardia di Malcontenta che plaude invece all’innesto a Roncoduro. Il coordinatore di zona della Lega Nord in Riviera del Brenta Paolo Pizzolato (che è anche amministratore unico di Veneto Agricoltura ) ha ricordato alla Salviato che “sulla Romea Commerciale e sulla Camionabile lungo l’idrovia solo la Lega ha detto dei chiari no. “Gli altri — sottolinea Pizzolato – parlano ora a ridosso delle scadenze elettorali“. Per Rifondazione Comunista infine è ora di dar battaglia ed organizzare sul territorio una raffica di assemblee per mobilitare la popolazione contro la Romea Commerciale “Dal questo mese febbraio — spiega Fabio Zanchetta Per Rc della Riviera — ci saranno sul territorio una serie di appuntamenti per mobilitare la popolazione contro la Romea. Ci saranno anche volantinaggi ai mercati rionali“.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento