La maggioranza elenca i risultati, l’opposizione critica

Nuovo giro di boa per l’amministrazione comunale, che ha presentato i risultati del secondo anno di mandato. Nel settore della pianificazione sono stati approvati gli strumenti urbanistici che erano fermi in Regione: il Piano regolatore, la variante per il Lungomare e il piano dell’arenile. E’ stato inoltre presentato il masterplan dei Saloni con i Piruea, che trasformeranno il quartiere da area commerciale a turistico ricettiva. Si è concluso anche l’iter per il Ponte sul Brenta e l’appalto verrà affidato tra pochi mesi.
Nuovi parcheggi stanno per essere messi a disposizione del centro storico grazie al multipiano in fase di ultimazione nell’area dell’ex Adria Docks, mentre altri posti auto sono in arrivo presso l’Isola dell’Unione e nell’area dell’ex cementificio ai Saloni. Un nuovo parcheggio è previsto anche presso la diga di Sottomarina per servire l’area nord dell’arenile.
Il 2009 è stato l’anno degli Stati Generali dell’economia e nel 2010 si apriranno le consultazioni con le categorie economiche per il completamento del Piano di assetto territoriale. E’ stato inoltre istituito lo sportello unico per agevolare le ristrutturazioni, soprattutto nel settore alberghiero e nautico, ed è stato preparato il piano dei pubblici esercizi.
Rimane però critica l’opposizione. Per Lucio Tiozzo, capogruppo dell’opposizione in Consiglio comunale, le conquiste di questa amministrazione nel settore urbanistico non sarebbero altro che i risultati del lavoro della precedente Giunta di centro sinistra e poco o nulla di nuovo sarebbe stato proposto da questi amministratori. La critica maggiore che viene mossa dall’opposizione a questa Giunta è di non avere preso abbastanza a cuore il tema del lavoro, soprattutto davanti alla crisi di Porto Marghera e dei settori ittico e orticolo. A soffrire di questa situazione sarebbero soprattutto i giovani e le donne.
“Non pretendiamo che con la bacchetta magica si risolvano i problemi di tutti — ha spiegato Lucio Tiozzo — ma ci saremmo aspettati che venissero prese delle misure a sostegno alle categorie più deboli. Servono maggiori risorse per aiutare le famiglie e invece alla fine del 2009 si sono spesi 200.000 euro per i festeggiamenti di Capodanno e per implementare le risorse della segreteria del sindaco. Basta guardarsi intorno per vedere una città degradata e sporca: è il risultato dei tagli dell’Amministrazione per la pulizia e l’igiene pubblica. In questo modo la città sta perdendo la partita del rilancio turistico. Basta guardare a come è stato gestito il problema delle acque alte e a quanti danni ha portato al piccolo commercio. In altri Comuni per aiutare i commercianti sono state abbassate le tasse locali”.
Al sindaco viene rimproverata soprattutto una mancanza di contatto con la popolazione: “Le scelte strategiche per la città sono state fatte in maniera unilaterale e senza consultazioni con la popolazione: è il caso dell’ospedale, delle infrastrutture di collegamento o dell’organizzazione scolastica. Il sindaco è chiuso nella sua torre d’avorio e dialoga solo con poche categorie economiche. Gli manca il rapporto con la città e anche il mondo della pesca lamenta di essere stato abbandonato a se stesso”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento