Una nuova rotonda nel cuore di viale Mediterraneo

Tutto pronto per la nuova rotonda nel cuore di viale Mediterraneo. L’intervento, da 300.000 euro, si inserisce nel progetto più ampio, deliberato dal Consiglio comunale nel 2005, per la messa in sicurezza di una delle strade più pericolose del Comune, ma sarà anche punto di collegamento con la nuova viabilità di accesso alla città. La rotonda eliminerà l’incrocio tra viale Mediterraneo e via Schiavo, teatro di un incidente mortale nel 2008, e una delle alla seconda via d’uscita dalla città. Il programma deliberato dal Consiglio nel luglio del 2005 prevede la realizzazione di alcune rotatorie compatte per chiudere i varchi sullo spartitraffico centrale dove siepi e alberi spesso impediscono una corretta visuale. La prima rotonda realizzata è stata quella all’incrocio con le vie Venier e Colombo. Nell’estate 2008 è comparsa una seconda rotonda, più piccola, all’incrocio con le vie Barbarigo e Vespucci che ha permesso l’eliminazione dell’incrocio semaforico che contribuiva ad allungare le code estive. Quella con via Schiavo avrà dimensioni più ampie e richiederà anche lo spostamento di un’attività di autolavaggio che insiste sul lato sud.
Una contingenza che ha richiesto un allungamento dei tempi per concordare con l’attività espropriata una collocazione alternativa. La progettazione definitiva è pronta e la giunta ha già deliberato di procedere con l’intervento. I fondi necessari, 300.000 euro, sono stati reperiti dal monte risorse destinato nel 2001 alla riqualificazione dell’incrocio dell’ospedale dove è stata realizzata la più grande rotonda della città e un sottopasso con pista ciclabile.
L’intervento di via Schiavo sarà determinante, non solo per migliorare la sicurezza in viale Mediterraneo, ma per il futuro sviluppo viario della città.
La nuova rotonda sarà collegata alla nuova viabilità che attraverserà il Parco degli orti deviando il traffico turistico verso Brondolo e da lì alla Romea o all’Arzerone attraverso il nuovo cavalcavia. Viale Mediterraneo dovrebbe diventare un percorso ad esclusivo utilizzo cittadino

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento