Stati generali, le conclusioni

Dopo tre mesi di lavori si sono conclusi gli Stati Generali dell’economia, l’iniziativa promossa dal Comune e dalla Fondazione della Comunità Clodiense per chiamare a raccolta le diverse categorie economiche della città e invitarle a riflettere sul futuro di Chioggia. Più di 200 le persone coinvolte, raccolte intorno a cinque tavoli di lavoro. Ciascuna categoria ha espresso le sue esigenze e le nuove linee di sviluppo.
Nel mondo della pesca è risultata pressante l’esigenza di realizzare un nuovo mercato, ma anche di creare un logo per valorizzare il pescato locale e di coinvolgere di più gli altri settori come il turismo, magari attraverso la realizzazione di un acquario come quello di Genova.
La commissione che si è dedicata alle prospettive del commercio, turismo e servizi, ha indicato come prioritari gli interventi per migliorare le infrastrutture e la viabilità in città, lo spostamento del mercato ittico, la razionalizzazione del mercato settimanale, la lotta contro l’abusivismo e un piano di intervento più solerte in caso di acqua alta con posa di passerelle per raggiungere tutte le aree del centro.
In ambito turistico è necessario promuovere l’allungamento della stagione, ma anche diversificare le forme di turismo puntando sulla nautica, benessere-salute o outdoor recreation. Servirebbero inoltre strutture innovative per la nautica come il progettato Marina City Park, e forme di aggregazione e coordinamento dell’offerta delle darsene esistenti.
Per lo sviluppo della portualità si richiede il miglioramento delle infrastrutture terrestri e l’ampliamento della conca di navigazione. Si intende inoltre dedicare l’Isola dei Saloni al solo traffico passeggeri. Si richiede di allargare il canal Lombardo esterno e di escavare i fondali a -11 m. Infine sarebbe opportuno riqualificare l’area dell’Isola dell’Aleghero, servita direttamente dalla Romea.
La commissione per l’agricoltura ha prospettato una via di sviluppo dell’agricoltura clugiense se si cercherà di favorire una coltivazione multifunzionale, rafforzando il legame tra orticoltura e turismo da un lato e dall’altro potenziando le agro energie. C’è inoltre l’esigenza di aggiornare il sistema di irrigazione e bonifica. Infine si chiede di favorire il ricorso alla bioedilizia e all’utilizzo di energie rinnovabili.
La commissione per le attività produttive chiede nuove infrastrutture per favorire nautica e cantieristica; lo spostamento del mercato ittico dal centro storico; il reperimento di aree di espansione per le 20 aziende di trasformazione del pescato e maggiori incentivi per l’edilizia e l’adeguamento energetico.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento