Un nuovo collegamento tra Venezia e Rovigo

Interamente ricostruito con ben 34 giorni di anticipo sulle previsioni e riaperto a metà aprile, il nuovo ponte di Punta Pali sulla strada provinciale 2 è stato ufficialmente inaugurato lo scorso 7 maggio alla presenza del presidente della Provincia di Venezia, Francesca Zaccariotto, del sindaco di Cavarzere, Pier Luigi Parisotto, e di altre autorità, nonché dei progettisti al gran completo e di numerosi cittadini cavarzerani. L’intervento, costato complessivamente 775mila euro, ha permesso la completa ricostruzione del ponte con l’allargamento della carreggiata e la realizzazione di marciapiedi. Come dettagliatamente spiegato nella relazione illustrativa dell’opera, la possibilità di risanare il vecchio ponte, risalente agli anni Trenta, è stata subito messa da parte per gli elevati costi necessari ai restauri conservativi, la vetustà del manufatto e la sua scarsa valenza architettonica. La scelta di ricostruire il manufatto nella stessa posizione del precedente è stata dettata principalmente dall’urgenza di realizzare i lavori e l’ipotesi di realizzare il nuovo ponte parallelamente a quello vecchio non sarebbe stata conforme alla strumentazione urbanistica vigente e ci sarebbero state maggiori aree da espropriare.
Alla cerimonia di inaugurazione il presidente della Provincia Francesca Zaccariotto ha ricordato che il ponte, posto al confine tra le Province di Venezia e Rovigo, rappresenta la porta d’ingresso del territorio provinciale. “Questo ponte — ha detto — ha permesso non solo un nuovo collegamento tra le province di Venezia e Rovigo ma anche la messa in sicurezza di questo tratto di strada, l’allargamento del ponte ha infatti consentito di realizzare il percorso per biciclette e pedoni”. Ha poi ricordato la fine dei lavori in anticipo e ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione dell’opera. “É sicuramente un grande risultato — ha dichiarato — perché la pubblica amministrazione di solito viene contestata per i tempi, in questo caso abbiamo anticipato di un mese la chiusura dei lavori e durante il loro svolgimento abbiamo limitato al minimo i disagi prevedendo un servizio navetta per gli studenti”. Infine ha evidenziato la sinergia creatasi tra istituzioni proprio grazie a quest’opera. “C’è stata una proficua sinergia tra realtà istituzionali — sono state le parole del presidente Zaccariotto — per supportare il lavoro dei tecnici a partire dalla previsione di un premio di accelerazione per la ditta esecutrice pari all’uno per mille del contratto per ogni giorno di anticipata apertura del ponte”.
La buona collaborazione tra Provincia di Venezia e Comune di Cavarzere è stata messa in evidenza anche dal sindaco di Cavarzere Pier Luigi Parisotto. “È la prima volta che ho trovato così tanta collaborazione con la Provincia — ha dichiarato il primo cittadino cavarzerano — nella realizzazione di un’opera che è di grande qualità”.
È intervenuto all’inaugurazione anche l’assessore provinciale alla Viabilità Emanuele Prataviera che ha sottolineato alcune caratteristiche tecniche del manufatto. “La copertura del ponte è stata realizzata con quattro strati di asfaltatura a freddo per garantirne la durata — ha detto— e abbiamo ripristinato la buona vecchia tradizione di porre il Leone di San Marco, stemma della Provincia, sulle spallette del ponte”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento